Un prodotto naturale sempre più di moda, consigliato e usato dai dermatologi per diversi trattamenti che riguardano soprattutto la cura della pelle, come le malattie provocate dai danni del sole o l'acne. Parlo dell'acido glicolico, sempre più spesso ingrediente principale di prodotti che promettono di aver una pelle bella e sana, sarà vero?

Innanzitutto c'è da precisare che per la salute della nostra pelle è importante una detersione quotidiana, considerato l'alto tasso di Inquinamento al quale siamo sottoposti, poi magari utilizzare un tonico e un prodotto un po' più idratante; a tutto questo ovviamente si aggiunge il mangiare bene con i cibi giusti, fare esercizio fisico e quando possibile prodotti naturali che non la danneggiano.

Il più piccolo e il più noto degli acidi alfa-idrossi, detto anche acido idrossiacetico, l'acido glicolico appunto può essere reperito in natura poiché viene estratto dall'ananas, dalle barbabietole da zucchero, dalla canna da zucchero, dal melone e dall'uva acerba, anche se può essere creato anche chimicamente. Inoltre lo si trova in commercio in varie concentrazioni, tenete conto che nei prodotti da banco lo si trova in una percentuale del 3%, questi possono essere detergenti, creme idratanti e peeling ed è sempre bene utilizzare una protezione solare perché provoca una certa sensibilità dal sole.

Se utilizzato nel modo giusto, la pelle può assumere una carnagione più giovane e fresca, poiché fa allentare i legami delle cellule superficiali e quindi eliminare le cellule morte. Pelle sana, giovane, liscia e morbida e in più l'acido glicolico oltre che favorire la produzione di collagene, è utilizzato per ridurre inestetismi come rughe, iperpigmentazione e cicatrici, cisti e acne stessa oltre che colorito spento, pelle secca, segni dell'età e punti neri.

Per quanto riguarda i trattamenti specifici viene utilizzato principalmente per il peeling chimico professionale, un trattamento che richiede 15 o 20 minuti, e in genere va ripetuto ogni una o due settimane per diversi mesi. In alcuni casi la pelle può apparire come se fosse bruciata dal sole e si ottiene un recupero completo dopo diversi giorni.

Infine tra gli altri usi dell'acido, ovviamente in proporzioni maggiori, rispetto a quelli previsti per i trattamenti della pelle si comprendono: sgrassanti, agenti aromatizzanti, inchiostro, additivi per vernici, per togliere la ruggine, conservanti e agenti per l'abbronzatura e la tintura

Attenzione perché l'acido glicolico, in dosi eccessive e se usato su alcune tipologie di pelle può far male, va sempre testato su una piccola porzione di viso per vedere come la vostra pelle reagisce, ed è sempre meglio consultare il vostro medico prima di procedere con ogni trattamento, anche se usate prodotti per i quali non è necessaria la prescrizione.

In ogni caso usare un prodotto che contiene più del 10% di acido glicolico è considerato pericoloso; quando metabolizzato si può trasformare in acido ossalico ed essere molto velenoso.

Tra le controindicazioni potrebbero verificarsi irritazioni cutanee anche molto gravi, per questo è bene consultare un professionista e leggere le indicazioni riportate sulla confezione, a volte quando non è indicata la percentuale potrebbe trattarsi d un prodotto utilizzato per detergere i pavimenti!
Segui la pagina Salute
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!