FitBit, Runtastic, Contatore di Calorie: le app dedicate alle diete e al mantenersi in forma sono tantissime e continuano ad aumentare. Ma dagli Stati Uniti d'America è partita una class action contro FitBit, leader del settore, e gli altri fitness tracker in circolazione. Il motivo? A quanto pare, tutti questi braccialetti contapassi, contacalorie e contabattiti non sono poi così affidabili.

Cos'è un fitness tracker

Partiamo col chiarire il significato del termine: il fitness tracker è un braccialetto che permette di tracciare e tenere sotto controllo tutta l'attività compiuta nel corso della giornata.

Non si limita a misurare la frequenza dei battiti cardiaci, ma conta anche il numero di passi compiuti nel giorno, le calorieconsumate a seconda dell'attività che si è svolta e persino riescono a fornire informazioni riguardanti il numero diore di sonno leggero e pesante. Il tutto con lo scopo di monitorare la nostra attività e capire cosa migliorare e cosa no.

USA, class action contro FitBit

Negli ultimi anni c'è stato un vero boom di questi dispositivi, ma in America è appena partita una class action contro Fitbit, che rappresenta il numero uno dei fitness tracker.

Il motivo è legato alla poca affidabilità di questi braccialetti: uno studio effettuato su 43 sportivi ha dimostrato che con questi bracciali si è registrato uno scostamento di circa 20 battiti al minuto rispetto agli strumenti professionali. Da questa osservazione si è giunti alla conclusione che, molto probabilmente, questi braccialettisono validi solo in caso di sforzi lievi o a riposo, mentre tendono a distorcere la realtà di fronte ad allenamenti più importanti. La risposta di Fitbit non è arrivata poi così tardi: l'azienda si è giustificata affermando che tutte queste considerazioni siano false e abbiano come obiettivo quello di confondere i consumatori.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Salute Smartphone

D'altronde, il settore rappresenta un business molto importante che nel 2018 potrebbe produrre circa 7 miliardi di dollari: questo ci fa capire che quasi sicuramente la class action di alcuni consumatori servirà a ben poco.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto