Magari si tende a sottovalutarla e forse non ha più la centralità che aveva un tempo, tuttavia la colazione è da considerarsi uno dei pasti più importanti della giornata. A mettere in evidenza la sua importanza è una ricerca condotta dalla Columbia University di New York. Nello specifico i ricercatori hanno osservato che iniziare la giornata a stomaco vuoto ha un impatto negativo per la Salute che può tradursi anche nell'aumento del rischio di sviluppare patologie cardiovascolari, obesità diabete ed altri disturbi inerenti al metabolismo.

Colazione: perché è il pasto fondamentale della giornata?

Ma perché ha questa grande importanza? I ricercatori sottolineano che quando saltiamo la colazione siamo maggiormente disposti ad indulgere al consumo di cibi cosiddetto spazzatura, ovvero a snack, patatine, dolci, bibite gassate che ci gratificano di più ma che non rendono un buon servizio alla salute. Se si salta il primo pasto della giornata non si rischia soltanto l'obesità. Questo perché nel caso in cui non si seguano orari precisi, si può andare incontro a una serie di patologie metaboliche, oltre che aumentare il rischio di ictus e patologie cardiovascolari.

In particolare per i ricercatori è fondamentale riuscire a ripartire negli orari corretti i tre pasti al giorno relativi alla colazione, al pranzo e alla cena. Soprattutto vanno evitati gli spuntini notturni che comportano un introito calorico che l'organismo fa fatica a digerire e a smaltire.

Dieta: pianificare i pasti

Per combattere la fame nervosa i ricercatori suggeriscono di pianificare i pasti prestando quindi attenzione non soltanto a quel che si mangia, ma anche agli orari in cui vengono consumati i cibi.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Salute

In questo senso assumere più calorie nella prima parte della giornata e meno la sera avrebbe un effetto preventivo riguardo alle malattie cardiovascolari e al diabete. In ogni caso è sempre bene evitare alimenti con molti zuccheri aggiunti, carni rosse e insaccati. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Circulation.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto