Il Gran Premio dell'Australia non ha avuto l'esito che Rossi si aspettava. Valentino analizza il suo 4° posto ed è chiaramente dispiaciuto del risultato, soprattutto considerando che la pista australiana è proprio una delle sue preferite e di conseguenza non si aspettava né di restare fuori dal terzetto del podio, né di perdere 7 punti dal compagno di squadra Jorge Lorenzo. Stava plasmando alla perfezione la strada per il mondiale ed è consapevole che ogni minimo errore può avere grandi conseguenze, ed è proprio quello che è successo domenica.

Le parole di Rossi

"Ho espresso al team il mio parere riguardo il lavoro svolto e non sono affatto contento, abbiamo lavorato male perdendo tempo a trovare soluzioni che poi si sono dimostrate inefficaci" dice il pilota Yamaha. "Partire dalla terza fila è difficile, anche se in una gara così forse non avrebbe fatto molta differenza ma, a livello psicologico, sicuramente sarebbe stato di aiuto, specie nei confronti di Lorenzo, avrei potuto batterlo".

Il Dottore sa benissimo che si sta giocando il mondiale e quando nei duelli ci si mette anche Iannone, essere veloci già dal venerdì e dal sabato diventa cruciale. "Venerdì è andata meglio, mentre sabato abbiamo erroneamente cercato assetti per permettere di curvare la moto sul davanti invece il vero problema è che mancava il grip dietro", spiega amaro Rossi."Comunque ne faremo tesoro per Sepang e lì cercheremo di essere il più veloci possibile fin da subito".

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Moto GP Valentino Rossi

I complimenti per Iannone

Anche se Andrea Iannone ha portato via a Vale il podio, si è sicuramente meritato questo risultato e Rossi, da professionista, fa sinceri complimenti al pilota Ducati. "È stato davvero bravo e nel corpo a corpo, specie quando si combatte per il podio, ha dato il 100% e ha saputo sfruttare la velocità della sua moto nei rettilinei". Èstata una bellissima gara, ma il dispiacere per aver perso la prima posizione e 7 punti si legge chiaro sul volto di Rossi e lui stesso non lo nega: "Peccato, andavo forte e potevo battere Lorenzo quindi c'è un po' di delusione, ma ci sono state anche cose positive, la moto si comportava davvero bene e il passo era buono.

Non siamo ancora in grado di rivaleggiare con la velocità in rettilineo di Honda e Ducati, ma abbiamo altri punti di forza da sfruttare e la prossima volta sarà tutto diverso".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto