Si sono concluse da pochissime ore le prime qualifiche stagionali del campionato di Formula1 2017, e benché le sorprese non siano mancate, la costante è sempre e solo una: Lewis Hamilton.

L'inglese della Mercedes conquista la sua 62esima pole in carriera, stracciando il precedente record della pista australiana grazie alle nuove caratteristiche delle macchine turboibride, più potenti e con una maggiore tenuta di strada grazie alle gomme, più larghe rispetto agli anni passati.

Pubblicità
Pubblicità

Bene la Ferrari: Vettel secondo, Raikkonen quarto

Ma ciò che "sorprende" in un certo senso è la conferma della Ferrari rispetto ai test invernali a Barcellona: Sebastian Vettel è secondo a due decimi dalla Mercedes del rivale, nonostante alcune sbavature nel primo settore del tracciato, Raikkonen quarto ma paga alcuni problemi alla batteria. Tra le due rosse si inserisce l'altra Mercedes, quella di Bottas, preceduta di soli 25 millesimi dal tedesco del cavallino.

Pubblicità

Male le Red Bull: mai realmente in lotta per la pole, Verstappen chiude quinto ad 1.2 secondi da Hamilton, Ricciardo paga un incidente nelle prime fasi della Q3 e deve accontentarsi della decima piazza. Stupefacente la prestazione di Grosjean, sesto su Haas, a precedere Massa e le Toro Rosso di Sainz e Kvyat.

Debutto storico per Giovinazzi, primo italiano dopo Jarno Trulli

Ma l'Italia può sorridere, oltre che per la prestazione della rossa, anche per un altro motivo: Antonio Giovinazzi infatti sostituisce in Sauber Pascal Wehrlein, non ancora ristabilitosi da un incidente pre-stagionale.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Formula 1

Il giovane pugliese diventa il primo italiano in f1 dal "lontano" 2011, quando Trulli chiuse la sua esperienza nella categoria madre con la Lotus. E tuttavia disputa ottime qualifiche: si mette dietro Palmer, Stroll, Vaandorne (male la McLaren che conferma le sue problematiche alla Power Unit) Magnussen e viene beffato per pochissimi centesimi dal suo compagno Ericsson che passa alla Q2 all'ultimo tentativo.

Ma domani la GARA sarà un'altra cosa, e siamo sicuri che di questo ragazzo (già in ottica Ferrari con un occhio al 2018 se Vettel dovesse cambiare casacca) se ne sentirà parlare.

Domani start alle 7, in Italia differita Rai alle 14

La gara è prevista domani alle 7:00 italiane in diretta su SkySport F1; per chi volesse approfittare della domenica per dormire, la Rai trasmetterà la differita alle 14 su Rai1.

Pubblicità

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto