Gara 3 delle finali di Western Conference si conclude come le due gare precedenti, con i Warriors vincenti. Il tabellone alla fine recita 120-108 per la squadra in trasferta. Siamo 3-0 Golden State, ai quali oramai manca una sola vittoria per aggiudicarsi il titolo di campioni della Western Conference e andare alle finals, dove molto probabilmente si fronteggeranno con i Cavs per il terzo anno consecutivo.

San Antonio ci ha provato in tutti i modi a tenere a bada il talento degli Warriors ma non è bastato, visto anche le assenze pesantissime della squadra di casa. Leonard ha dato forfait a causa della distorsione della caviglia rimediata in gara 1 di questi finali, Parker è infortunato dalla serie contro Houston e sicuramente per lui la stagione è finita. La gara di questa notte era iniziata bene per i padroni di casa che avevano chiuso il primo quarto in vantaggio di sole quattro lunghezze, ma nel secondo quarto sono venuti fuori i Warriors, che con un parziale di 35-22, sono andati al riposo sul +9. Nel secondo tempo è regnato l'equilibrio che si è mantenuto fino alla fine della partita.

Fronte San Antonio

I padroni di casa ci hanno provato fino all'ultimo, ma non c'è stato nulla da fare. Il veterano Ginobili, entrato dalla panchina, ha chiuso con 21 punti in diciassette minuti con il 78% dal campo, seguito da Aldridge con 18 punti ma con un pessimo 7 su 17 al tiro. Gasol, anch'esso entrato dalla panchina come il fuoriclasse argentino, ha chiuso con una doppia doppia caratterizzata da 12 punti e 10 rimbalzi.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Basket

Lunedì sera ci sarà gara 4, che potrebbe essere l'ultima per questa squadra fantastica allenata dal coach Gregg Popovich. I San Antonio proveranno a dare una smorzata alla serie, o ci sarà lo sweep da parte della squadra californiana?

Fronte Warriors

Tra tutti spicca Kevin Durant che con 33 punti in 38 minuti risulta decisivo per le sorti del match. Viene accompagnato dal compagno Stephen Curry che aiuta alla causa grazie ai suoi 21 punti.

Gli uomini di Steve Kerr sembra che giochino in scioltezza, e sembra anche che oramai si aggiudicheranno il titolo di campioni a Ovest per il terzo anno consecutivo, e così accederanno alle Finals dove incontreranno la vincente tra Cleveland Cavaliers e Boston Celtics (serie sul 2-0). In caso di passaggio del turno della squadra di Lebron James (che in questi playoff sta viaggiando a circa 34 punti di media a partita) ci sarà il remake della finale degli ultimi due anni, dove si spera ci sia più lotta e no un'altra serie dall'esito scontato.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto