Le partite giocate nella notte NBA hanno portato in dote spunti interessanti e risultati sorprendenti. Ecco i 9 match giocati:

Rockets @ Wizards 103-121

Hawks @ Raptors 98-111

Nets @ Heat 111-87

Pacers @ Bulls 107-119

Bucks @ Thunder 97-95

Suns @ Kings 111-101

Hornets @ Warriors 111-100

Clippers @ Lakers 121-106

Mavericks @ Pelicans 128-120

La vittoria di Dallas a New Orleans

I 65 punti prodotti dal duo Davis-Cousins non bastano ai Pelicans (18-17 il record, 8° posto nella Western Conference), i quali escono sconfitti dalla mura amiche vs i Mavericks (12-25 e 13° posto ad ovest).

Dallas che riesce persino a toccare il +26 come “scarto di punti maggiore”, grazie ai tanti punti provenienti dalla bench: 17 di Harris, 15 di Powell, 14 di Barea e 7 a testa per Ferrell e Mejri. A ciò si aggiungono i contributi delle stelle dei Mavs: 13pt + 12reb per l’eterno Nowitzki, 13pt di Barnes, 18pt di Matthews con 4/7 dall’arco. Ma l’apporto maggiore proviene dal rookie ventenne Dennis Smith Jr: prima tripla doppia in carriera (21pt, 10reb, 10ast), con 8/12 da 2 e 5/7 da 3.

Il futuro dei Mavs: Dennis Smith Jr.

La point guard nativa di Godwin (Carolina del Nord) è stata scelta alla numero 9, e sta viaggiando con numeri interessanti alla sua prima stagione NBA: 13.7pt, 4.2ast, 4.1reb (27.7 minuti di media).

Per il Rookie of the Year Award (riconoscimento che ogni anno la NBA assegna alla migliore matricola della stagione) Smith jr. è forse fuori dai giochi, visto la concorrenza spietata con Ben Simmons (play/ala dei 76ers), Jayson Tatum (AP dei Celtics) e Donovan Mitchell (guardia dei Jazz). Il classe ’97 però rappresenta il futuro - e visti i numeri anche il presente - di Dallas, franchigia che dopo la clamorosa vittoria dell’anello nella stagione 2010-11 - 4-2 vs i Miami Heat dei big three LeBron-Wade-Bosh - non è riuscita ad andare oltre il 1° turno, non qualificandosi per i PO nella scorsa stagione (record negativo di 33-49).

E quest’anno le cose non sembrano andare diversamente, visto che i Mavs - nonostante le 3 W di fila - stagnano tra le ultime posizioni della Western Conference. La ricostruzione però già è stata avviata proprio con la scelta del prodotto di North Carolina State: si deve iniziare a pensare al dopo Dirk (39 anni per il tedesco), e Dennis sembra proprio voler prendere le redini di quella che sarà, molto probabilmente, la sua squadra.

In attesa di qualche “regalo” dal buon Mark Cuban, presidente dei Mavericks.

Segui la pagina Basket
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!