Archiviato il City Event di Oslo che ha aperto il 2019 della Coppa del Mondo di sci alpino, il circo bianco si sposta in Croazia per il tradizionale appuntamento di inizio gennaio con lo slalom di Zagabria sulla collina di Sljeme. Oggi, sabato 5 gennaio, c'è la gara femminile; domani, domenica 6 gennaio, lo slalom speciale maschile. Sulla spettacolare pista Crveni Spust, sia per gli uomini che per le donne la prima manche è fissata alle ore 13 e la seconda manche alle ore 16. Il weekend di gare a Zagabria sarà trasmesso in diretta tv, come di consueto, da Rai Sport e Eurosport e in diretta streaming su Rai Play ed Eurosport Player.

Pubblicità

Azzurre convocate, debuttano Marta Rossetti e Anita Gulli

Si gareggerà tra i pali stretti e i favoriti d’obbligo non potranno pertanto che essere i campionissimi Mikaela Shiffrin e Marcel Hirscher, tra l’altro entrambi vincitori lo scorso anno a Zagabria. Si attendono però conferme anche da casa Italia dopo i recenti risultati positivi ottenuti dai nostri atleti in entrambe le categorie.

Cinque le azzurre convocate con ben due debuttanti in Coppa del mondo: Marta Rossetti, bresciana di Puegnago del Garda, classe 1999, che sostituisce Federica Brignone, e Anita Gulli, ventenne torinese.

Con loro l’altra giovanissima Lara Della Mea, triestina classe ‘99, fresca dei primi punti in Coppa arrivati a Semmering. Completano il quintetto le veterane Chiara Costazza e Irene Curtoni. Il migliore risultato dell’Italia sulla collina di Sljeme è arrivato nel 2009 grazie al secondo posto di Nicole Gius; podio anche con Manuela Moelgg nel 2011 (terza).

Azzurri al cancelletto di partenza

Per l’appuntamento al maschile il giorno dell’Epifania saranno invece sei gli azzurri al cancelletto di partenza: Manfred Moelgg, che nel 2017 si impose davanti a Felix Neureuther e Henrik Kristoffersen, nel 2010 centrò il posto d’onore ed è stato il migliore tra gli italiani l’anno scorso (decimo posto).

Pubblicità

Quindi Alex Vinatzer, Fabian Bacher, Stefano Gross, Riccardo Tonetti e Giuliano Razzoli. Quest’ultimo rinato dopo il quinto posto di Madonna di Campiglio e che a Zagabria ha già trionfato nel 2010 (precedendo Manfred Moelgg) ed è salito sul podio anche nel 2009 con il terzo posto alle spalle del francese Jean-Baptiste Grange e del padrone di casa Ivica Kostelic, nativo proprio di Zagabria, che insieme alla sorella Janica è stato il primo sciatore alpino croato a raggiungere il vertice internazionale.