La tappa che ha portato il Tour de France sui Pirenei si è risolta in un mezzo flop rispetto alle attese. La frazione numero dodici, con il Peyresourde e l’Horquette d’Ancizan, è stata animata solo da un folta fuga di uomini fuori classifica. Simon Yates ne ha approfittato per far uscire il suo Tour dall’anonimato e segnare la sua prima vittoria di tappa nella corsa francese. In gruppo invece è regnata la calma piatta: tutti i big hanno preferito risparmiare energie in vista della cronometro di domani a Pau, un appuntamento chiave per le sorti della classifica finale.

Tour de France, fuga di 40 corridori

Dopo undici giorni dedicati soprattutto a volate e tappe intermedie il Tour de France è salito oggi in alta montagna con la prima frazione pirenaica.

Da Tolosa a Bagneres de Bigorre i corridori hanno scalato due vette storiche come il Peyresourde e l’Horquette d’Ancizan. Gli ultimi 30 km di discesa e pianura e soprattutto la cronometro in programma domani a Pau hanno però addormentato la corsa, almeno per quanto riguarda gli uomini di alta classifica, che sono rimasti tutti sulla difensiva.

La tappa è partita a grande andatura con tanti tentativi di fuga finchè davanti si è formato un folto gruppo forte di quaranta uomini.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Ciclismo

Tra questi anche Trentin, Felline, Bettiol, Rui Costa, Van Avermaet, Benoot, Gallopin, Simon Yates, Bilbao, Naesen, Schachmann, Valgren e Muhlberger oltre a diversi velocisti interessati ai punti del traguardo volante, vinto da Sagan.

Il gruppo della maglia gialla Alaphilippe e degli altri uomini di classifica ha rallentato a questo punto, lasciando andare via la fuga.

Il colpo di Simon Yates

Tutte le emozioni sono così arrivate relativamente al successo di tappa.

Il primo a muoversi è stato Lilian Calmejane salendo al Peyresourde, ma la sua iniziativa è presto tramontata lasciando spazio ad un tentativo più convinto di Simon Clarke. L’australiano si è però arreso sull’Horquette d’Ancizan, superato da Matteo Trentin che aveva intelligentemente anticipato la salita con un attacco. Nonostante la presenza del compagno di squadra in testa alla corsa è stato Simon Yates ad infiammare la scalata all’Horquette d’Ancizan.

Con una serie di scatti lo scalatore britannico ha selezionato il già ridotto gruppetto di fuggitivi, finchè il solo Muhlberger è riuscito a tenergli testa. I due hanno sostituito Trentin al comando, con Bilbao che è riuscito a rientrare nella lunga discesa verso Bagneres de Bigorre.

Yates, Muhlberger e Bilbao hanno proceduto di buon accordo e per gli inseguitori, più stanchi e disorganizzati, non ci sono state chance di recuperare.

La tappa si è così risolta con una volata a tre: Yates ha interpretato al meglio il finale prendendo in testa le ultime curve e sbucando nel breve rettilineo finale di 150 metri, dove Muhlberger e Bilbao non hanno avuto spazio per abbozzare il sorpasso. Il britannico è così andato a centrare la seconda vittoria della Mitchelton in questo Tour de France, dopo quella di Impey, e la prima personale nelle sue quattro presenze alla corsa francese. Bilbao ha chiuso secondo davanti a Muhlberger, poi più attardati Benoot, Felline e Trentin hanno aperto il drappello dei primi inseguitori.

Il gruppo con Alaphilippe e gli uomini di classifica è arrivato a quasi dieci minuti e tutto è stato così rimandato alle prossime tappe, a partire dalla cronometro di domani e dalle due frazioni pirenaiche del weekend.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto