Ricordando che la scadenza della Mini imu è stata confermata al 24 gennaio 2014, scopriamo come calcolarla e come effettuare il pagamento.

Come calcolare la mini IMU

La Mini Imu non è dovuta in tutti i comuni, ma solo in quelli in cui l'aliquota sulla prima casa è superiore al 4 per mille. Quindi verificare se nel proprio comune è dovuta o meno. In tal caso procedere così:

1) Rivalutare la base imponibile del 5%: la base imponibile è costituita dalla rendita catastale, valore che si può trovare sia nell'atto di compravendita, sia in un documento richiesto presso il catasto. Il valore va rivalutato del 5%.

2) Il valore della rivalutazione andrà moltiplicato per il coefficiente delle abitazioni, ovvero 160.

3) Il risultato ottenuto da questa moltiplicazione andrà moltiplicato a sua volta per l'aliquota stabilita dal comune.

4) Dal totale vanno sottratte le detrazioni (200 euro per l'abitazione e 50 euro per ogni figlio). Questa è l'imposta dovuta in base all'aliquota comunale.

5)Adesso si riprende il valore ottenuto dal punto 2 e si moltiplica per l'aliquota base del 4 per mille. Anche qui vanno eliminate le detrazioni.

6) Il valore ottenuto da quest'ultimo calcolo va sottratto a quello ottenuto al punto 4. L'importo ottenuto è la base per il calcolo finale della mini imu.

7) La mini imu da versare corrisponde al 40% del valore ottenuto al punto 6.

Come effettuare il pagamento

Il pagamento può essere fatto tramite F24 o bollettini postali.

Se si utilizza l'F24 andranno compilati i campi relativi ai tributi:

· nella sezione Codice ente/codice Comune si inserisce il codice catastale del Comune.

I migliori video del giorno

· Nella sezione codice tributo si scrive 3912 per le prime abitazioni e 3914 per i terreni agricoli.

· Va indicata anche la voce saldo 2013.

L'F24 è può essere pagato sia in banca o alla posta, che online sul sito delle Agenzia delle Entrate. Chi vuole pagare tramite il bollettino postale deve utilizzare i modelli con numero di conto corrente 1008857615.