Come per gennaio 2014, scopriamo quali sono le principali scadenze fiscali e relativi adempimenti di febbraio 2014 per essere in regola con i pagamenti e tenere alla larga le multe.

Secondo quanto riporta il sito dell'Agenzia delle Entrate, si comincia il 1 febbraio 2014 quando scatta la prima scadenza fiscale del mese. Entro questa data una fetta di contribuenti dovrà presentare in via autonoma la dichiarazione annuale dell'Iva relativa all'anno 2013.

Il 17 febbraio 2014 c'è il versamento dell'acconto mensile IRAP dovuto sulle retribuzioni, sui redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente e sui compensi corrisposti durante il mese di gennaio 2014. Anche qui si procede con modello F24 EP, disponibile anche per via telematica.

Sempre il 17 febbraio 2014 è fissata un'altra scadenza fiscale. Stiamo parlando del versamento in unica soluzione dell'addizionale regionale all'Irpef trattenuta ai lavoratori dipendenti e pensionati sulle competenze del mese precedente.

Aziende e datori di lavoro dovranno, invece, versare i contributi per i loro dipendenti e collaboratori sulle retribuzioni di gennaio 2014. Lo stesso vale anche per i lavoratori autonomi occasionali purché con reddito superiore a 5.000 euro.

Nella stessa giornata occorre pagare il saldo dell'imposta sostitutiva dell'11% sulle rivalutazioni annuali dei fondi per il trattamento di fine rapporto (TFR) maturate nell'anno 2013 e il canone Rai per chi ha scelto la formula rateizzata.

Il 17 febbraio 2014 è, infine, l'ultimo termine utile per il versamento della Tobin tax sulle transazioni eseguite nel mese di gennaio.

I migliori video del giorno

I soggetti interessati sono nello specifico: banche, intermediari non residenti, società fiduciarie, imprese di investimento abilitate e singoli contribuenti che hanno effettuato transazioni finanziarie senza l'ausilio di un intermediario.

Venerdì 28 febbraio 2014 aziende e datori di lavoro dovranno consegnare a dipendenti, collaboratori coordinati e continuativi o a progetto le certificazioni CUD 2014 relative ai redditi dell'anno precedente.

Il 28 febbraio 2014 alcuni contribuenti dovranno versare la seconda o unica rata di acconto IRES e IRAP e provvedere al conguaglio sui redditi di lavoro dipendente. Tale scadenza fiscale si applica ai soggetti IRES con esercizio non coincidente con l'anno solare (il mese di febbraio corrisponde per loro all'undicesimo mese di esercizio).

Infine, sempre il 28 febbraio 2014, dovranno essere trasmessi all'Agenzia delle Entrate i dati relativi all'IVA riferita all'anno 2013. Il tutto può avvenire come di consueto per via telematica.