Si avvicinano le scadenze dello Spesometro 2014 anno 2013: tra chi rientra nell'obbligo di dare comunicazione al fisco ci sono anche gli agricoltori esonerati, che con lo Spesometro 2014, a differenza del passato, dovranno effettuare la dichiarazione.

Spesometro 2014 anno 2013: come funziona

In breve lo Spesometro 2014 si inserisce tra strumenti di lotta all'evasione fiscale e impone un obbligo secondo cui tutti i soggetti passivi di Iva che effettuino operazioni rilevanti a tali fini, sono vincolati (pena sanzioni) a rendicontare e dare comunicazione al fisco delle stesse. Tra i soggetti colpiti dallo Spesometro 2014 commercianti, imprese e professionisti, con la sola esclusione dei contribuenti a regime dei minimi e gli organismi di diritto pubblico.

Novità che spicca è quella secondo cui ci saranno a presentare il nuovo Spesometro 2014 anche gli agricoltori esonerati.

Spesometro 2014 anno 2013: istruzioni

Le istruzioni dello Spesometro 2014 prevedono la presentazione della dichiarazione in due forme, analitica (presentando le fatture emesse o ricevute) oppure aggregata (indicando per ogni cliente numero di prestazione ed importo). Nel modello relativo vanno rendicontati:

  • corrispettivi di cessioni beni e prestazione servizi con obbligo di fattura
  • corrispettivi di cessioni beni e prestazione servizi senza obbligo di fattura pari o superiori a euro 3.600
  • operazioni in contanti relative al turismo quando effettuate da commercianti al minuto, soggetti equiparati, e agenzie di viaggio per importi pari o superiori ad euro 1.000 e fino a euro 15.000. 

Stando alle attuali istruzioni dello Spesometro 2014 anno 2013 non rientrano nell'obbligo: importazioni, esportazioni (art 8 comma 1 a,b), operazioni attive e passive comunitarie già acquisite nei modelli Intrastat, operazioni con operatori economici residenti in paesi black list, operazioni già oggetto di anagrafe tributaria, passaggi interni di beni tra i rami di azienda, spese anticipate, operazioni fuori campo Iva.

I migliori video del giorno

Spesometro 2014 anno 2013 per agricoltori esonerati

Anche i piccoli produttori agricoli esonerati rientrano nello Spesometro 2014 e dovranno presentare gli elenchi di clienti e fornitori.Novità questa che non manca di suscitare polemiche in quanto la suddetta categoria ha soltanto l'obbligo di conservare e numerare progressivamente le fatture di acquisto e le autofatture di vendita.

Spesometro 2014 anno 2013: le scadenze

Le scadenze per lo Spesometro 2014 sono diversificate: la prima è fissata al 10 aprile ed è destinata alle attività di impresa, attività professionali, e lavori autonomi che effettuino la liquidazione IVA mensilmente; la seconda e ultima scadenza dello Spesometro 2014 è invece fissata al 22 aprile ed è destinata a chi effettua la liquidazione IVA con cadenza trimestrale.