Previsto a breve il provvedimento del governo che consentirà di dire addio ai Modelli Unico e 730 al fine di introdurre per il prossimo anno un nuovo modello precompilato spedito direttamente a casa dei contribuenti.

Si tratta di un diverso modo di procedere, che sarà varato dal governo nell'ottica della semplificazione fiscale per i cittadini e della riforma del fisco. Si tratta di una modifica al sistema fiscale volta ad agevolare i cittadini e a snellire la burocrazia italiana.

#modello 730 precompilato: cosa contiene e chi lo riceverà

Come già annunciato da Matteo Renzi nel mese di maggio, a partire dal 2015, circa 35 milioni di contribuenti italiani (lavoratori dipendenti, pubblici e privati e pensionati) riceveranno a casa la dichiarazione dei redditi precompilata, cioè completa di tutte le informazioni in possesso del fisco.

Conterrà dunque i dati anagrafici, gli importi riportati nel Cud, comprese le detrazioni per i familiari a carico, dati relativi agli immobili, compresi i beni dati in locazione. Consentiranno la determinazione degli oneri deducibili e detraibili le comunicazioni da parte di banche e intermediari finanziari, assicurazioni, enti previdenziali, in merito a interessi passivi sui mutui, assicurazioni e contributi previdenziali e assistenziali.

Il cittadino potrà aggiungere altre informazioni non contenute nel modello già compilato (parte in bianco) al fine di usufruire di eventuali bonus fiscali.

Niente controlli per chi accetta quanto contenuto nella documentazione ricevuta

Chi accetta i calcoli effettuati dall'Agenzia delle Entrate non sarà soggetto a controlli fiscali.

Se non ci sono problemi e i dati risultano esatti non si dovrà fare altro che provvedere al pagamento (magari on line).

I migliori video del giorno

Si eviteranno perdite di tempo e soprattutto di denaro.

Calendario

Con l'innovazione sarà diffuso anche un nuovo calendario: entro la fine di febbraio dovrà arrivare la comunicazione di detrazioni e deduzioni, entro il 7 marzo i datori di lavoro e i sostituti d'imposta comunicheranno all'Agenzia delle Entrate i redditi, a metà aprile il modello arriverà al contribuente e quindi il 7 luglio sarà prevista la scadenza per l'invio al fisco, con l'accettazione dei calcoli o la richiesta di modifiche. #modello Unico