Il Comune di Genova sospende il pagamento della Tasi 2014 e delle altre imposte comunali. A pochi giorni dal giorno in cui la città di Genova ha subito la seconda inondazione in tre anni, arriva la notizia che tanti cittadini genovesi stavano aspettando. Nei giorni scorsi erano montate le polemiche per la tragedia che si è abbattuta sulla città, in quanto, i genovesi erano esasperati sia dalle condizioni di estrema emergenza in cui versavano e versano ancora, sia perchè, fino al giorno dopo l'alluvione sono mancati gli aiuti da parte delle autorità. I cittadini avevano manifestato il loro dissenso al sindaco Marco Doria che oggi da la notizia dell' esenzione del pagamento dell'acconto Tasi, che scade giorno 16 ottobre, dell' imu e della Tari.

La notizia è stata confermata nelle ultime ore. Il sindaco e tutta la giunta dovevano dare un forte segnale di vicinanza al territorio e alle persone di Genova che sono state colpite dal maltempo di questi giorni.

Vediamo chi non dovrà pagare l' acconto Tasi 2014 il 16 ottobre?

Ma chi non dovrà pagare la Tasi per il 2014 il prossimo 16 ottobre? Vediamo cosa ha dichiarato il sindaco Doria. Il primo cittadino ha tenuto una conferenza stampa in cui ha fatto sapere ai cittadini che saranno esentati dal pagamento della Tasi 2014 e delle altre imposte sulla casa, coloro che hanno subito danni, anche minimi, a causa dell'alluvione della scorsa settimana: quindi non si tratta di una sospensione dal pagamento, ma di una vera e propria moratoria sull'acconto Tasi.

Tasi 2014 Genova: le aliquote e le detrazioni previste

Le aliquote Tasi in vigore a Genova sono molto alte, quindi, la notizia dell'esenzione dall'acconto Tasi, dell' IMU e della Tari, aiuterà sicuramente coloro che adesso si trovano con le abitazioni allagate.

I migliori video del giorno

Il comune di Genova, in precedenza, aveva deliberato le seguenti aliquote Tasi: sulla prima casa l' aliquota era stata portata al massimo, ovvero, il 3.3 per mille, che è dato dalla somma dell' aliquota base del 2.5 per mille con l' aggiunta dello 0.8 per mille previsto per legge. Per quanto riguarda le detrazioni fiscali, a Genova, la delibera Tasi prevedeva degli sgravi di 50 e 114 euro in base alla rendita catastale. Era stato approvata anche una misura che prevede dei bonus per le famiglie con figli a carico a patto che siano minori di 26 anni.