Guida alla prima rata #Tasi 2014 nel comune di Roma, Milano e Napoli: le aliquote Tasi, le detrazioni, come pagare la tassa entro domani, 16 ottobre, ultimo giorno utile per il versamento nelle tre città per evitare sanzioni. Iniziamo dal comune di Roma, dove la Tasi ha aliquota sulla prima casa al 2,5 per mille, sugli altri immobili allo 0,8 per mille e sui fabbricati rurali strumentali all'1 per mille. Le detrazioni Tasi a Roma sono state fissate dal comune capitolino come segue:

  • 110 euro di detrazioni Tasi a Roma per immobili con rendita catastale fino a 450 euro
  • 60 euro per rendite catastali tra i 450 e i 650 euro
  • 30 euro per rendite tra 650 e millecinquecento euro.

La Tasi 2014 a Milano ha aliquota al 2,5 per mille sulla casa principale, come per il comune di Roma, con aliquota per fabbricati rurali a uso strumentale allo zero per mille e quella per altri immobili allo 0,8 per mille, ma le detrazioni Tasi a Milano si presentano in uno schema assai più complesso, che riassumiamo come segue:

  • 115 euro di detrazioni Tasi a Milano per rendite catastali fino a 300 euro
  • 112 euro per rendite tra 300 e 350,99 euro
  • 99 euro per rendite di massimo 400,99 euro
  • 87 euro per rendite catastali di massimo 450,99 euro
  • 74 euro con rendita fino a 500,99 euro
  • 61 per rendite fino a 550,99 euro
  • 49 per rendite di massimo 600,99 euro
  • 24 euro per rendite fino a 700 euro
  • 20 euro per ogni figlio al di sotto dei 26 anni residente e dimorante nell'abitazione in questione.

Attenzione poiché tutte le detrazioni Tasi a Milano sopra elencate per rendite sopra i 351 euro sono valide a patto che il cittadino possiede un reddito di non più di 21000 euro, al netto di oneri deducibili.

Nel comune di Napoli l'aliquota Tasi 2014 sull'abitazione principale è pari al 3,3 per mille; le detrazioni Tasi a Napoli ammontano a 150 euro per gli edifici che hanno un valore di rendita catastale non maggiore di 300 euro e a 100 euro per gli immobili con valore catastale superiore a tale limite. Ricordiamo, prima di passare a vedere come si paga la Tasi nei comuni sopra indicati e nel resto d'Italia, che a Roma gli inquilini in case in affitto sono tenuti a versare il 20 per cento della quota della tassa sui servizi, mentre a Milano devono versare il 10 per cento.

Come pagare la Tasi a Roma, Milano, Napoli e negli altri comuni della nostra penisola? I metodi con cui si paga sono molteplici: si può versare la tassa tanto con bollettino postale cartaceo o telematico (tramite i servizi on line di Poste Italiane) quanto con servizi di home banking e attraverso l'immancabile modello F24 cartaceo o telematico.

I migliori video del giorno

In versione digitale abbiamo il modello F24 web, F24 on line, F24 cumulativo, per chi volesse capire come sfruttare il meccanismo di compensazione di crediti fiscali o conoscere i limiti di pagamento connessi a ogni modalità di pagamento della Tasi rimandiamo alla nostra precedente guida qui linkata. Dopo la prima rata Tasi, nel comune di Roma, Milano e Napoli in scadenza domani, i contribuenti saranno chiamati a versare il restante importo della tassa (ovvero la seconda metà del totale) entro il prossimo 16 dicembre 2014, che rappresenta anche il termine ultimo per pagare la seconda rata Imu di quest'anno. Per conoscere dettagli e casi particolari relativi al pagamento della Tasi nei comuni qui trattati, ricordiamo che il punto di riferimento fondamentale restano sempre le delibere ufficiali dei comuni disponibili sul portale del Ministero dell'Economia e delle Finanze.