Oltre alla Tasi ci sarà da pagare anche la tanto odiata Imu. Chi dovrà pagarla? Soltanto i proprietari di abitazioni principali considerate di lusso e che rientrano nella categoria catastale A1, se si tratta di abitazioni signorili, A8 per quanto riguarda i palazzi storici e A9 per i castelli. Sono chiamati a pagare la seconda rata dell'imu anche i proprietari delle seconde abitazioni, di aree edificabili, di terreni agricoli, immobili commerciali e anche fabbricati rurali.

Per quanto riguarda l'Imu ci sono delle differenze con la Tasi proprio perchè è un onere che deve versare soltanto il proprietario del bene immobile.

Il soggetto detentore o occupante non è assoggettato a nessun tipo di dovere. Devono inoltre pagare il tributo anche coloro che hanno usufrutto sull'abitazione, che hanno il diritto di uso ed enfiteusi. Gli immobili di enti pubblici ed enti locali sono esonerati dal pagamento della tassa. Saranno esonerati anche coloro che destinano edifici ai luoghi di culto, i fabbricati di categoria E e i locali usati per fini istituzionali.

Per il calcolo dell'Imu bisogna fare una procedura simile a quella della Tasi facendo attenzione alle aliquote previste dai vari comuni. Anche per quanto riguarda l'Imu i comuni hanno potuto cambiare i valori delle aliquote e quindi le cifre di dicembre potrebbero essere differenti rispetto a quelle di giugno. Una sola novità per il calcolo dell'Imu è l'inserimento anche dei terreni. Saranno esenti solo i terreni agricoli che si trovano ad oltre 600 metri di altezza.

I migliori video del giorno

Per i terreni che invece si trovano tra i 281 e 600 metri di altezza si pagherà l'Imu solo se sono posseduti da coltivatori diretti.

I metodi del versamento dell'imposta sono, come per la Tasi, la compilazione dell'F24 o bollettino postale. Valgono le stesse regole della Tasi ma cambiano i codici da inserire. Per i fabbricati rurali il codice da inserire nell'F24 è 3913, per quanto riguarda i terreni il codice è 3914, per le aree edificabili dovrà essere inserito il codice 3916 e per altri fabbricati bisognerà segnare il codice 3918.