Il 2015 che ormai è davvero alle porte, sarà un anno veramente ricco di novità in tanti settori. In particolare uno dei più importanti che subisce le maggiori sorprese è appunto quello del Fisco italiano. Sono tante infatti le innovazioni previste per i contribuenti italiani dal nostro legislatore. Fra le molte novità almeno per il 2015 non vi sarà quella relativa alla cosiddetta Local Tax che dovrebbe sostituire Imu e Tasi ma la cui approvazione è stata spostata dal governo per il momento al 2016. Sicuramente la novità fiscale più importante del nuovo anno sarà il 730 precompilato. Il governo si prepara a lanciare una campagna pubblicitaria adeguata per informare gli italiani.

Il modulo verrà inviato via internet e per utilizzarlo sarà necessario un Pin unico nazionale definito come "Spid" che dal prossimo febbraio consentirà a tutti i contribuenti italiani di accedere ai servizi online di tutte le amministrazioni pubbliche italiane. Esso conterrà tutti i redditi da pensione e lavoro dipendente, immobili, interessi passivi, premi assicurativi, etc.

Altra importante notizia è quella che riguarda la conferma per le detrazioni del 50% sui lavori di ristrutturazione. Conferma che riguarda anche l'acquisto di mobili nuovi e di grandi elettrodomestici. I limiti degli importi che hanno diritto alla detrazione rimangono gli stessi dello scorso anno. La stessa sorte toccherà anche all'Eco bonus con detrazione del 65% che vale non solo per gli interventi all'impianto elettrico ma anche agli interventi antisismici.

I migliori video del giorno

Novità anche riguardo il Bonus Bebè che spetta ai bambini nati nel 2015, va richiesto e vale 960 euro per famiglie con Isee sotto i 25mila euro. Il bonus in questione tra l'altro raddoppia se l'Isee è inferiore a 7 mila euro. Notizie vi sono anche per il Bonus di 80 euro che viene stabilizzato anche per il 2015. Inoltre le nuove assunzioni saranno ancora incentivate mediante sconti contributivi. Infine buone notizie per i lavoratori autonomi che beneficeranno di un leggero calo dell'Irap. #Detrazioni fiscali