Si materializza con una ciclicità tristemente regolare l'incubo connesso alle tasse sulla casa, con Imu e Tasi 2015 ormai da anni in cima ai pensieri degli italiani quando si entra nel mese di giugno. Il problema non è connesso alla necessità di dover pagare un tributo (a questo gli italiani sono abituati) ma al fatto di dover fare tutti da soli, a cominciare dal reperimento delle aliquote di riferimento sino ad arrivare al calcolo di #imu e #Tasi 2015. Tra poco meno di 10 giorni, il 16 giugno prossimo, scadono i termini per versare la prima rata, laddove invece ogni contribuente dovrà provvedere al saldo entro e non oltre il 16 dicembre dell'anno in corso.

Ricordiamo che il pagamento dei due tributi dovrà avvenire tramite modello F24 reperibile in posta o scaricabile online.

Aliquote Imu e Tasi 2015, calcolo e conteggio online: importante aiuto da MEF e AmministrazioniComunali.it

Il calcolo di Imu e Tasi 2015 è tranquillamente effettuabile online sfruttando alcuni pratici calcolatori: il più sicuro è quello di AmministrazioniComunali.it che attualmente è in fase di restyling: 'Cambiate le aliquote suggerite con quelle deliberate dal Comune e consultate le delibere' è la frase che campeggia sulla homepage del sito una volta effettuato l'accesso. I due suggerimenti sono di fondamentale importanza per evitare di incappare in errori madornali: se il proprio Comune non ha deliberato nulla di nuovo le aliquote di Imu e Tasi 2015 rimangono quelle dello scorso anno, in caso contrario invece bisognerà utilizzare i nuovi parametri con tutto ciò che ne consegue a livello di calcolo. Per quanto riguarda l'elenco delle aliquote invece è possibile reperirlo in rete sul portale online del MEF (questo il link di riferimento: http://www.finanze.gov.it/). Riportiamo adesso degli esempi di delibere approvate in alcuni fra i più noti comuni d'Italia:



  • Roma: aliquota Tasi 2,5 per mille, Imu 10,6
  • Napoli: aliquota Tasi 3,3 per mille, Imu 10,6
  • Torino: aliquota Tasi 3,3 per mille, Imu 10,6
  • Lucca: aliquota Imu 10,6 Tasi 3,1
  • Firenze: aliquota Imu 10,6, Tasi 3,3
  • Treviso: aliquota Imu 10,6 Tasi 1,6 (2,5 per abitazioni prima casa di lusso)



Solo da Imu e Tasi 2015 lo Stato incamererà quasi 13 miliardi di euro, un conto salatissimo, specie per chi ha costantemente a che fare con cambiamenti normativi e modifiche dell'ultim'ora. L'impressione è che l'epoca nella quale viviamo sia segnata da continue violazioni dello Statuto del Contribuente che sin qui però sono passate in sordina. L'auspicio è che per il 2016 le cose possano cambiare in meglio.