Chi paga da anni il Canone Rai, sa che entro fine gennaio dell'anno andava pagato, ma chi si prolungava a Febbraio, aveva un altro mese di tempo pagando, però, una sovrattassa, inoltre, la tassa andava pagata un'unica volta per intero.

Il 22 Dicembre 2015 è stato approvato il decreto che riguarda le nuove procedure per il pagamento del canone Rai e nell'articolo sarà spiegato dettagliatamente come funziona il tutto.

Come pagare la nuova tassa?

Innanzitutto, va detto che il costo del canone Rai è stato ridotto a 100 euro (nel 2015 costava 110 euro circa), e va di pari passo con l'addebitamento della tassa della fornitura di energia elettrica.

Il canone Rai va pagato, come in precedenza, solo sulla prima casa, a patto che tutti i membri familiari siano residenti nella stessa abitazione, quindi se due coniugi abitano in due case diverse, la tassa andrà pagata due volte.

Lo Stato prevede che in ogni abitazione ci sia almeno un apparecchio televisivo, ma se il cittadino non avesse una televisione in casa, lo deve fare presente all'Agenzia delle Entrate tramite un'autocertificazione che avrà validità di un anno. Le modalità di compilazione dell'autocertificazione ancora non sono chiare, ma saranno senz'altro chiarite in futuro.

Quando andrà pagato il canone Rai?

Mentre, come già detto, gli anni scorsi si pagava nei mesi di Gennaio e Febbraio, quest'anno la tassa imposta dal Governo si inizierà a pagare il 1 Luglio 2016 e saranno addebitate anche le rate dei mesi precedenti.

I migliori video del giorno

Un'altra differenza rispetto agli anni passati è che da quest'anno sarà pagato a rate secondo le seguenti modalità:

  • La prima rata si pagherà il 1 Luglio 2016 e costerà 70 euro
  • Le successive rate si pagheranno mensilmente 10 euro, fino al raggiungimento dei 100 euro in totale.

Riguardo le esenzioni, le persone che avranno oltre 75 anni di età e con un reddito inferiore a 6.713,98 euro annui, non pagheranno il canone, mentre uffici, studi e servizi commerciali, continueranno a pagare la stessa quota degli anni precedenti, tramite bollettino postale.