Le nuove modalità di pagamento, che caratterizzeranno il #Canone Rai 2016, volute fortemente dal Presidente del Consiglio #Matteo Renzi, continuano a far discutere e a sollevare polemiche. Nelle ultime ore si inserisce nella questione anche Mediaset. Gina Nieri, consigliere d'amministrazione di Mediaset, nel corso di un'intervista rilasciata al quotidiano economico il 'Sole 24 ore', afferma che con il nuovo Canone aumenteranno le disparità tra tv pubblica e Mediaset. Infatti sebbene l'intento del #Governo di eliminare la forte evasione sia giusto, questo potrebbe garantire alla Rai molte più risorse rispetto ai rivali, ammazzando il mercato.

Le stesse idee ma con parole diverse erano state dette negli scorsi giorni anche da Urbano Cairo editore di La7. 

Le richieste di Mediaset

Gina Nieri chiede dunque a questo punto alla Rai di togliere almeno gli spot pubblicitari in uno o più dei suoi canali, visti e considerati i notevoli incrementi che dovrebbero arrivare da quest'anno, in virtù del nuovo Canone Rai 2016. Secondo Mediobanca, infatti gli introiti per la Rai dovrebbero crescere di almeno 420 milioni di euro l'anno. La Nieri mette anche in evidenza come nessuno degli altri operatori del settore possa contare su un finanziamento garantito già in partenza e la cosa ovviamente crea forte disparità. Secondo la consigliera d'amministrazione occorre discutere la questione proprio adesso che si sta parlando del rinnovo delle concessioni televisive. 

Ricordiamo che il cambio nelle modalità di pagamento del Canone Rai 2016, ha destato dubbi e polemiche in molti.

I migliori video del giorno

Da quest'anno infatti il Canone si pagherà tramite la bolletta della luce. Presupposto per il pagamento è il possesso di almeno un apparecchio televisivo nella propria abitazione. In caso di mancato possesso spetterà all'utente comunicarlo con apposita autocertificazione, onde evitare di dover pagare il Canone con la bolletta della luce di luglio. Sarà quella infatti la prima fattura in cui sarà addebitato il primo importo relativo a questa tassa. Ricordiamo infine che l'importo complessivo da pagare per il 2016 sarà pari a euro 100.