Il tanto atteso e studiato sistema per scovare gli evasori fiscali, ovvero il redditometro, potrebbe non essere più utilizzato dall'agenzia delle entrate a causa di una sentenza che ne vieta l'utilizzo in quanto il suo uso sarebbe illegittimo. Dopo le tante polemiche innescate alla notizia dell'applicazione del sistema per scovare anche la minore Evasione Fiscale e le recenti comunicazioni da parte dell'Agenzia delle Entrate in merito alla multa inerente al mancato pagamento del Canone Rai, ora l'agenzia di riscossione dovrà fare un passo indietro e tornare ai vecchi metodi.

Tasse e fisco nell'occhio del ciclone

Secondo quanto dichiarato nella sentenza emessa dalla Commissione Tributaria di Catania.

Le modalità utilizzate per gli accertamenti fiscali attraverso il redditometro sarebbero non conformi a quello che prevede la normativa e violerebbe la privacy delle persone, nello specifico, la sentenza cita: "i decreti in materia sono stati emanati senza che la legge abbia mai attribuito al governo il potere di attuare tale materia". Il redditometro infatti, il quale attraverso un incrocio di dati sensibili di ogni singolo soggetto incrocia gli introiti con le spese e verifica la percentuale di eventuale evasione delle tasse, tratterebbe dati personali senza le giuste autorizzazioni e pertanto, secondo quanto stabilito Commissione in Catania, gli accertamenti effettuati attraverso tale sistema sarebbero da ritenersi non validi e le eventuali contestazione fiscali da ritenersi nulle.

Il redditometro va k.o.

Una vera e propria sconfitta nei confronti dello Stato e dell'Agenzia delle Entrate che in base a quanto deciso dai giudici tributari di Catania, potrebbero vedersi contestati gli accertamenti fiscali inviati e fare marcia indietro all'utilizzo del sistema scova evasori.

I migliori video del giorno

Il redditometro infatti, ha le potenzialità per verificare ed incrociare una serie di dati sensibili e qual'ora si verifichi un'eventuale incongruenza con criteri del 20% di anomalia, segnala il nominativo per effettuare un successivo controllo fiscale approfondito, al fine di contestare l'eventuale evasione fiscale e le successive sanzioni da pagare.