Come ogni inizio dell'anno gli italiani si trovano a fronteggiare da una parte la consueta raffica di aumenti e dall'altra tutta una serie di novità fiscali che riguarderanno la prossima dichiarazione dei redditi. Sul sito dell'Agenzia delle Entrate è disponibile la prima bozza e le relative istruzioni per la compilazione che concerne il #modello 730 per l'anno 2017. Tra le diverse novità fiscali presenti nel modello dichiarativo si distaccano le possibili #agevolazioni sui premi di risultato dei #dipendenti del settore privato e del regime speciale istituito per i lavoratori rimpatriati.

Agevolazioni casa e giovani

Non solo aumenti per l'anno 2017, tra le varie agevolazioni che riguardano i giovani sotto i 35 anni aventi un reddito non superiore a 55mila euro, abbiamo quelle inerenti all'acquisto della prima casa attraverso la stipula di un contratto di leasing.

I quali potranno detrarre il 19% dell'importo dei canoni sborsati nel 2016, sempre che non superino gli 8mila euro annui; 4mila se l'acquirente supera tale età. Inoltre per chi abbia acquistato una abitazione di classe energetica A o B verrà riconosciuto il 50% dell'IVA pagata.

Quest'anno le giovani coppie, anche di fatto, potranno usufruire di uno sconto fiscale pari al 50% sugli arredi fino a un tetto di spesa di 16mila euro effettuata lo scorso anno. Infine, i proprietari di unità abitative potranno ottenere uno sgravio fiscale del 65% sull'acquisto e istallazione di dispositivi per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento/climatizzazione e delle caldaie.

Lavoro, school bonus e assicurazioni

Dopo le proteste per l'entrata in vigore del contributo dei privati alle scuole, nel modello 730/2017 si prevede la detrazione del 65% fino a 100mila euro di erogazioni liberali, ridotta al 50% per il 2018.

I migliori video del giorno

Altre agevolazioni riguardano il comparto assicurativo vita finalizzate alla tutela delle persone con gravi disabilità. In effetti, l'importo massimo per usufruire del 19% di sconto fiscale è stato elevato a 750 euro. E per i benefattori sarà possibile una deduzione pari al 20% sulle donazioni fino a 100mila euro.

Infine le novità sul lavoro dipendente. La prima riguarda la tassazione agevolata del 10% per quei premi di risultato percepiti in denaro che non superano i 2mila euro. Cifra che sarà elevata a 2.500 euro qualora il personale venga coinvolto nell'organizzazione del lavoro. Se invece i premi sono erogati sotto forma di benefit o rimborso spese non saranno gravati. La seconda novità riguarda l'istituzione di un regime speciale per il lavoratori dipendenti rimpatriati, ai quali sarà calcolato soltanto il 70% del reddito prodotto in Italia.