Mese di scadenze per la presentazione della Certificazione Unica 2017. È previsto per oggi, 7 marzo, il termine ultimo per la trasmissione in via telematica all'Agenzia delle Entrato della CU 2017 da parte dei Lavoratori dipendenti. Mentre scade il prossimo 31 marzo il termine massimo per il datore di lavoro per la consegna della dichiarazione al percipiente che consiste, a tutti gli effetti, in un adempimento obbligatorio a carico dei datori e in un diritto riconosciuto ai lavoratori. Grazie infatti alla Certificazione Unica gli stessi lavoratori avranno a disposizione tutti i dati relativi ai propri compensi percepiti nell'anno precedente ma soprattutto tutti gli elementi utili e necessari per la presentazione della dichiarazione dei redditi.

Certificazione Unica: modello online

È fissato per oggi, 7 marzo, il termine per la trasmissione del modello all'Agenzia delle Entrate relativo ai lavoratori dipendenti. È un modello che, in sostanza, contiene i dati necessari alla compilazione delle dichiarazioni dei redditi precompilate, ossia modello 730. Per l'invio all'Agenzia delle Entrate è necessario collegarsi al sito internet agenziaentrate.gov.it ed utilizzare il modello 'ordinario' che si compone dei seguenti campi:

  • Frontespizio: contiene tutte le informazioni circa il tipo di comunicazione, i dati del sostituto, quelli inerenti al rappresentante firmatario della comunicazione, alla firma della comunicazione e all'impegno alla presentazione telematica
  • Quadro CT: tutto ciò che fa riferimento alla ricezione, sempre in via telematica, dei dati inerenti ai modelli 730-4 messi a disposizione dall'Agenzia delle Entrate
  • Certificazione Unica 2017: quindi tutto ciò che fa riferimento ai dati fiscali e previdenziali derivanti dal lavoro dipendente, compresi assimilati e assistenza fiscale

Scadenze per l'invio del CU 2017

Entro oggi, 7 marzo, deve avvenire la trasmissione in via telematica all'Agenzia delle Entrate della Certificazione Unica dei lavoratori dipendenti attraverso il modello 'ordinario'.

I migliori video del giorno

Dopo il 7 marzo il modello può essere presentato, senza incorrere in sanzioni, da parte dei lavoratori autonomi (lavoro autonomo non occasionale) e redditi esenti, ma comunque entro il limite massimo di presentazione dei quadri riepilogativi del modello 770.