Ci siamo, da oggi il #modello 730 precompilato 2017 è disponibile per la modifica online sul portale delle entrate. Per la compilazione c'è tempo fino al 24 luglio per cittadini e 7 luglio caf o intermediari abilitati. Le principali novità di quest'anno riguardano il settore immobiliare e ulteriori #Detrazioni fiscali per i figli a carico. Da oggi si può scegliere d'inviare il modello 730 senza modifica o procedere alla compilazione online attraverso il portale dell'agenzia delle entrate accessibile anche con il pin dell'Inps. Ecco una guida per i 20 milioni di contribuenti interessati all'inoltro online.

Modello 730, compilazione da portale Inps

L'accesso al portale dell'agenzia entrate è possibile attraverso My inps, Noipa, Spid e lo stesso sito delle entrate.

La maggioranza dei contribuenti possiede il pin dell'Inps e attraverso il portale è facile accedere alla dichiarazione dei redditi 2017. Una volta immessi codice fiscale e pin bisogna scrivere in cerca '730' e i primi due risultati riporteranno direttamente all'area desiderata. Per la modifica del modello 730 precompilato cliccare su 'Scegli modello', poi selezionare 'No' e 'Ho letto'.

730 precompilato 2017, modifica online

Una volta giunti a questo punto selezionare 'Compila e invia' per visualizzare la dichiarazione. La compilazione online è semplice e molti dati sono già precompilati. Prima di tutto occorre controllare che siano veritieri, i dati sanitari, scolastici, reddituali, immobiliari, catastali e le detrazioni per le partite iva se corretti non vanno toccati. Per inviare cliccare su 'Invia', ma va ricordato che in caso d'errore si può inviare nuovamente dato che l'agenzia delle entrate considera valido l'ultimo modello inoltrato.

I migliori video del giorno

Guida: detrazioni aggiunte e da integrare

Le nuove detrazioni precompilate riguardano principalmente il settore immobiliare. Nel modello 730 2017 sono inclusi per il primo anno tutti i dati catastali e relativi agli immobili in locazione. Inoltre i contribuenti troveranno già inserite le spese del mutuo già versate, le detrazioni in favore degli interventi per il recupero edilizio e la riqualificazione energetica. Per la prima volta non solo quelle del 2016, ma anche le spese degli anni passati. Necessaria l'integrazione per mense scolastiche e corsi pomeridiani non obbligatori visto che le scuole non sono tenute a comunicare al #fisco i dati.

Per ulteriori informazioni sul modello 730 precompilato 2017 clicca 'Segui' al termine dell'articolo. I commenti in basso nel riquadro social.