Nonostante le ormai popolarissime code di acquirenti presso gli Apple Store ad ogni lancio di un nuovo iPhone, il sistema operativo open source di Google si riconferma il più utilizzato al mondo. Come emerge dalle statistiche di StatCounter, uno strumento di calcolo statistico basato su miliardi di pageview, più del 60% dei dispositivi mobili posseduti dagli Italiani utilizza Android, mentre iOS sfiora il 30% distanziando a sua volta Windows Phone di circa 25 punti percentuale. Non cambia la situazione a livello europeo e globale, pur considerando quei paesi in cui l'azienda fondata da Steve Jobs ha messo radici più profonde.

Di questi, un esempio sono il Regno Unito e il Giappone. Gli inglesi da sempre prediligono gli iPhone agli altri Smartphone, eppure dall'inizio di quest'anno le periferiche androidiane hanno recuperato terreno riducendo di molto lo svantaggio. Nel "Paese del Sol levante", invece, la situazione è concretamente a favore della mela, che batte il robot verde di circa 40 punti.

Dopo la scomparsa di Jobs, mentre il SymbianOS di Nokia declinava lasciando il mercato ai due sistemi operativi in questione, questi si eguagliavano spartendosi circa il 50% degli utenti.

Verrebbe da chiedersi quali proiezioni avremmo ad oggi se il fondatore della casa di Cupertino fosse ancora in vita. Attualmente i dati ci riferiscono che la fetta di mercato lasciata da Nokia è stata per la maggior parte occupata dai vari HTC, Motorola, Lg, Sony, Huawei e soprattutto dagli svariati Samsung. Difatti nel mercato odierno dei telefoni cellulari di ultima generazione, il confronto più importante è tra Galaxy S6 e iPhone 7.

Chi metterà in discussione la supremazia di Android?

Considerati gli andamenti dei prodotti targati Google, non sarà facile sottrarre il primato al più usato Mobile OS del pianeta. Sono passati soltanto 6 anni dal lancio dell'HTC Dream, il primo smartphone dotato del software Google; da allora la grande G non sbaglia un colpo e giunge da poche settimane alla versione 5.0 di Android nominata Lollipop, successore di KitKat.

Il diretto concorrente rimane iOS, nettamente più divulgato del sistema mobile di Microsoft che, nonostante mantenga una tendenza di diffusione sempre in leggera ascesa negli ultimi anni, non riesce a guadagnare lo stesso successo che mantiene in ambito desktop con Windows. Interessanti novità arrivano dal Mobile World Congress di Barcellona riguardo nuovi Sistemi Operativi Mobili, tra i più promettenti segnaliamo:

  • Firefox OS di Mozilla che, da quanto riferito su The Guardian da Andreas Gal, importante manager del team Mozilla, vuole essere un sistema operativo più libero e trasparente rispetto agli attuali dominatori del mercato e promette prezzi davvero competitivi.
  • Ubuntu Touch, una versione appositamente trasposta per periferiche mobili del noto S.O. basato su Linux. Canonical proprio in questi giorni ha preso accordi con la casa produttrice cinese Meizu per la realizzazione di un mobile phone appositamente sviluppato.
  • Tizen, anch'esso basato sulla tecnologia Linux, coinvolge diversi sviluppatori sia Intel che Samsung e verrà installato niente di meno che sui nuovi Galaxy.

La tecnologia digitale ci ha abituati a cambi repentini: il 2015 potrebbe essere un anno pieno di sorprese per i nostri Smartphone e Tablet.

Segui la pagina Smartphone
Segui
Segui la pagina Apple
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!