Addio carburante? Ovviamente siamo ancora molto lontani dal dire addio agli idrocarburi, comunque quello del Solar Impulse è di sicuro un ottimo inizio. L'aereo a energia solare ha concluso, da pochi giorni, una delle ardue tappe che lo porteranno a completare un giro attorno al Globo senza utilizzare nemmeno una goccia di carburante. L'intento dell'impresa è quello di sensibilizzare il mondo sulla possibilità che, già sin da ora, possono offrire le energie rinnovabili.





I motori del Solar Impulse si muovono grazie all'energia solare catturata tramite le 17000 celle solari montate sulle ali, lunghe complessivamente 72 metri (circa 3/4 del lato lungo di un campo di calcio). Il velivolo ecologico è costruito con materiali ultraleggeri che ne limitano il peso a circa 2,3 tonnellate, ben lontane dalle oltre 500 tonnellate dei moderni aerei di linea, progettati per i voli intercontinentali.

Questi e innumerevoli altri accorgimenti permettono all'aereo di percorrere migliaia di chilometri senza combustibile e senza fare scali. Le condizioni di volo però sono tutt'altro che confortevoli: la cabina non è pressurizzata e la temperature all'interno cambia bruscamente al variare delle condizioni ambientali.



I piloti che stanno portando avanti l'impresa, André Borschberg e Bertrand Piccard (ideatore del Solar Impulse) sono partiti lo scorso 9 marzo da Abu Dhabi e, tappa dopo tappa, hanno sono giunti alle Isole Hawaii.

Nel corso dell'ultima tappa dal Nagoya (Giappone) a Kalaeloa (Hawaii) Borschberg ha stabilito ben tre record: il più lungo volo in solitaria di tutti i tempi, e il più lungo, sia per durata che per distanza, tra i voli a propulsione solare. Durante le traversate i due pionieri del volo a costo zero non possono dormire per più di 20 minuti consecutivi e praticano yoga per sopportare meglio l'angusto spazio abitabile.

Insomma, non una gita di piacere. I loro sforzi però dimostrano che volare sfruttando energia rinnovabile, senza l'impiego dei combustibili è possibile e in un futuro non troppo lontano i voli a propulsione in parte o totalmente elettrica potrebbero prendere sempre più piede.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto