Con i suoi 900 milioni di utenti attivi ogni mese, WhatsApp si aggiudica il primato come applicazione per messaggistica più utilizzata, superando anche Messenger di Facebook, ferma a 800 milioni. Essendo uno strumento per comunicare, anche Whatsapp è soggetto alla legge e può dare adito anche ad eventuali casi di diffamazione. Tanto quanto un gruppo su Facebook o la stessa Messenger. Vediamo in quali casi può scattare o non scattare l'accusa di diffamazione.

I casi che danno vita a una diffamazione

A spiegarlo è il portale laleggepertutti.it, che elenca i due elementi fondamentali affinché si possa parlare di diffamazione: l’assenza del soggetto offeso e la presenza (anche virtuale, trattandosi di chat) di due o più persone. Nel primo caso, altrimenti, si parla di ingiuria, la quale però con le nuove disposizioni in materia di depenalizzazione non costituisce più reato ma un semplice illecito civile, con obbligo di pagamento di una multa come risarcimento.

Queste sono le nuove disposizioni venutesi a verificare per effetto di una sentenza chiarificatrice della Corte di Cassazione. Pertanto, il messaggio inviato tramite sms, chat o whatsapp da una persona ad un’altra soltanto, non configura né ingiuria né diffamazione. Non basta neanche che la persona ingiuriata comunichi la frase ad altre persone in un secondo momento. Infine, la persona diffamatrice deve essere consapevole di quanto dice e del fatto che lo stia dicendo a più persone volutamente.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Whatsapp Tecnologia

Alcuni esempi più contorti

Pertanto, se A manda una mail a B nascondendo altre persone con lo strumento Ccn, e B rispondendo lo ingiuria, A non può accusarlo di diffamazione perché B era inconsapevole che a leggerla ci fossero altri destinatari. Se invece B invia un sms diffamatorio ad A ma in tal modo da rendere certo che la notizia sarà da quest’ultimo messa a conoscenza di altri soggetti, allora si può parlare di diffamazione.

Tuttavia, A deve fornire una prova concreta e non agire per congetture. Altrimenti, vale la regola detta in precedenza, in caso di semplice sms inviato solamente da B ad A.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto