#Whatsapp è ormai per certo una delle applicazioni più utilizzate per scambiare #messaggi. L'app dà tante opportunità ad i suoi consumatori, che sono ben lieti di accogliere tutte le nuove funzioni che vengono di volta in volta introdotte. Recentemente è stata introdotta una nuova versione della piattaforma chiamate Business, che è a disposizione per le piccole aziende. Tale app permetterà infatti a chi possiede un'attività di poter comunicare in maniera più veloce e dinamica con i propri consumatori. Insomma la piattaforma continua ad espandersi ancora di più, ma ci sono molti consumatori che non sono al corrente di alcuni 'trucchetti' molto utili.

Ecco come recuperare i messaggi persi

A molti utenti sarà sicuramente capitato di cancellare dei messaggi molto utili per sbaglio, ad esempio delle password importanti per il lavoro. Non tutto però è perduto, perchè su WhatsApp recuperare i messaggi [VIDEO] è possibile ed alla portata di tutti. L'operazione da compiere non è molto difficile, ma è necessario che il messaggio sia stato cancellato dopo l'avvenuto backup. Sulla piattaforma è infatti possibile scegliere di salvare le chat tramite un backup che può essere impostato in maniera quotidiana, settimanale o mensile.

Attraverso questo strumento è possibile ritrovare dei messaggi persi. Basterà recarsi sulle impostazioni, cliccare in seguito sulla voce 'Chat' ed infine cliccare su 'Backup della chat'. In questo modo si potrà controllare quando è stato effettuato l'ultimo backup, in modo da capire se il messaggio eliminato è stato già salvato dal server.

Fatto tutto ciò, bisognerà disinstallare e reinstallare WhatsApp e quando l'app chiederà se ripristinare i dati presenti nell'ultimo backup basterà premere 'Ripristina'.

La nuova truffa online

Come sempre sulla piattaforma WhatsApp circolano diverse truffe. Da qualche giorno, infatti, sta diventando virale [VIDEO] un messaggio nel quale viene affermato che l'abbonamento al proprio account sta scadendo e che bisogna rinnovarlo ad un determinato costo. Tale messaggio non riporta però alcun dato preciso, per cui non è molto difficile intuire che si tratta di una truffa bella e buona. La Polizia Postale ha inoltre precisato sul proprio sito che la notizia è assolutamente falsa e che l'app è ormai gratuita dal 2016. Prestate dunque molta attenzione ai messaggi fasulli e valutate bene la 'faccenda' prima di inoltrare qualsiasi cosa ad altri utenti.