Oggi torniamo a parlare dei pericoli legati all'uso improprio che viene fatto di Smartphone e tablet. Nello specifico andiamo ad analizzare cinque tipi di applicazioni che nel 90% dei dispositivi sono installate, ma sono molto pericolose per la privacy degli utenti, ma anche per salvaguardare la vita utile del proprio telefono o tablet.

Generalmente, soprattutto chi non ha una certa dimestichezza con la tecnologia, spesso può installare sulla memoria del telefono applicazioni che promettono di risolvere determinati problemi, ma invece di rivelano delle vere e proprie truffe.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Smartphone

In questo articolo, vogliamo rendere più facile riconoscere le applicazioni nocive, in base alle ultime ricerche effettuate su Play Store [VIDEO] di Android, il sistema operativo di Google.

Proprio recentemente abbiamo parlato, anche dei numerosi messaggi truffa legati ad alcune applicazioni di messaggistica che spacciavano per veritieri dei finti buoni sconto o delle vincite alla lotteria. Insomma, quando si ha a che fare con il mondo dell'online non basta avere due occhi, ma è necessario averne almeno quattro o sei e anche bene aperti.

I tipi di app da disinstallare dal dispositivo

Iniziamo a dire che le varie applicazioni presenti sui vari store, non solo di Android, ma anche Windows e iOS, si dividono in tipologie. Innanzitutto, una delle applicazioni da rimuovere sarebbe la versione base di Facebook [VIDEO]. Anche se non presenta particolari problemi di privacy, tranne utilizzi poco legittimi, come l'iscrizione a gruppi dalla dubbia etica morale, sicuramente consuma molta energia, influendo in negativo sull'autonomia del proprio dispositivo.

Averla semplicemente installata, senza utilizzarla, riduce l'autonomia anche di un'ora rispetto a chi non ce l'ha. Ciò non significa che non bisogna utilizzare il famoso social network, ma semplicemente è possibile scaricare la versione Lite, che non solo impiega meno Ram e meno batteria, ma pesa pochi megabyte, a differenza della versione base che a volte arriva a occupare anche mezzo giga.

Il secondo tipo di applicazione, assolutamente da rimuovere sono quelle app tipo Clean Master, che promettono di pulire il dispositivo dalle cache e dai processi inutili, ma non fa altro che danneggiare il dispositivo. Innanzitutto consuma batteria, poi rallenta l'hardware perché va a chiudere in modo forzato processo fondamentali per il normale funzionamento del device.

Un'altra serie di applicazioni da evitare assolutamente sono quelle dalla quale è possibile scaricare musica, film o anche immagini. Oltre ad essere illegali, l'80% dei programmi offerti includono pubblicità ingannevoli, protezione della privacy incerta e la possibilità che esse possano infettare i dispositivi di malware, trojan e altri tipi di virus che puntano a rubare i dati sugli utenti.

Per quanto riguarda le pubblicità ingannevoli, si potrebbe aprire una parentesi enorme, ma ci soffermiamo solo sul fatto che se cliccate possono accreditare sulla Sim i costi di abbonamenti senza chiedere alcuna autorizzazione.

Per ultimo, ma non meno importante, le applicazioni antivirus. Alcune sono vere ed effettivamente ci proteggono, anche se ciò va a scapito della velocità di esecuzione del telefono. Altre, invece, sono del tutto ingannevoli: si spacciano per antivirus, ma in realtà anche esse sono infette da malware e altri virus, con lo scopo di prelevare informazioni e venderle nel deep web.