Whatsapp è un fiume tecnologico in piena. L'aprile che ci stiamo lasciando alle spalle, pur senza stravolgimenti, ha messo in atto una serie di cambiamenti importanti per l'applicazione. Soprattutto nella sua versione per Android. Il mese è stato quello in cui sono state aggiunte delle funzionalità importanti. L'app per il sistema operativo di Google si è finalmente dotato della possibilità di registrare le note vocali senza tenere premuta l'icona del microfono e di un'altra serie di opzioni che faciliteranno ulteriormente la vita di milioni di utenti. La possibilità, ad esempio, di inserire delle descrizioni per i gruppi è una cosa di cui poter tener conto per comodità di poter dare nomi più brevi alle multi chat.

Gli hashtag offrono l'opportunità di una ricerca più fluida e meno lenta.

Whatsapp e Android: un mondo da scoprire

Chi conosce a menadito il mondo della telefonia sa perfettamente la differenza che passa tra Ios e Android. Da un lato c'è un sistema perfetto, ma chiuso. Dall'altro invece ci si proietta in un modo dove si possono trovare tante strade. C'è ad esempio una funzione per Whatsapp che non tutti conoscono e che, invece, potrebbe risultare molto utile quando si vuole tutelare la propria privacy. Basta andare nella Home di qualsiasi dispositivo e, tra i widget inseribili scegliere quello a dimensione "4x2". Ci si troverà di fronte ad uno "specchietto" in cui di volta in volta compariranno tutti i messaggi non letti.

La grandezza sta nel fatto che si tratta di un widget interamente "scrollabile" e che offre la possibilità di leggere senza accadere all'applicazione. Tradotto in parole povere: niente spunte blu qualora siano ancora attivate e niente modifica dell'orario di acccesso, qualora questo sia normalmente visibile. Unico difetto: per rispondere bisogna accadere a Whatsapp.

Whatsapp: la grande novità in arrivo

Whatsapp continua il suo processo di sviluppo, nonostante una leadership ben salda. Diversi rumors ad oggi parlano del fatto che presto l'app di proprietà di Facebook potrebbe lanciare una sfida credibile a Skype e Hangouts. A quanto pare è allo studio l'opportunità di adottare le video chiamate di gruppo che, di colpo, potrebbero proiettare la popolare app di messaggistica ai vertici di quelle piattaforme che si occupano di video conferenze.

La praticità con la quale milioni di utenti usano Whatsapp potrebbe essere un fatto da non sottovalutare.