Per dirla in parole povere, il 2018 è stato un anno difficile per Facebook, e sembra che la famosa piattaforma di social media non sia ancora fuori dai guai. Un nuovo studio del Pew Research Center, pubblicato il 31 maggio, mostra che, sempre più spesso, i ragazzi di età compresa tra i 13 ed i 17 anni scelgono piattaforme come YouTube, Instagram e Snapchat.

Incentrato sulle abitudini dei social media degli adolescenti negli Stati Uniti, lo studio mostra che c'è stato un calo significativo in pochi anni.

Uno studio analogo dal 2014-2015 ha mostrato che il 71% degli adolescenti erano utenti di Facebook; nello studio del 2018, tale numero è sceso a circa il 51%. L'analisi non riesce a fornire ragioni specifiche sul perché gli adolescenti si stanno rapidamente allontanando dalla piattaforma, ma questi numeri sembrano tracciare un futuro incerto per Facebook. Al contrario, il 35% dei ragazzi ha citato Snapchat come piattaforma di social media preferita, mentre il 32% ha preferito YouTube, il 15% ha scelto Instagram e solo il 10% ha dichiarato Facebook come la sua prima scelta.

Facebook: è una piattaforma troppo complessa?

È interessante notare che, quando lo studio del Pew ha suddiviso gli adolescenti per fascia di reddito, è stato scoperto che il 70% degli adolescenti a basso reddito (adolescenti che vivono in famiglie con un reddito annuo di circa 22.000 sterline) erano tra il più grande gruppo di utenti che utilizza regolarmente Facebook. Con i redditi più alti i numeri si assottigliano significativamente.

Ad esempio, il 56% degli adolescenti che vivono in una casa con un reddito annuale compreso tra 22-56.000 sterline annue utilizza il social, e la fetta di utenza scende al 36% per i ragazzi che vivono in case in cui il reddito medio è superiore alle 56 mila sterline all'anno.

I numeri si scompongono in modi ancora più intriganti quando lo studio confronta l'uso dei social media degli adolescenti in base al genere (dovremmo notare che il sesso è suddiviso solo maschi/femmine.

Le ragazze hanno scelto Snapchat come piattaforma di social media preferita, mentre i ragazzi spesso preferiscono YouTube.

Infine, lo studio ha incluso alcuni commenti di adolescenti che hanno partecipato e la maggior parte riteneva che i social media avessero un effetto positivo nelle loro vite. Una ragazza intervistata, di 15 anni, ha osservato: "Sento che i social media possono rendere le persone della mia età meno sole, creando uno spazio in cui interagire con le persone".

Segui le tue passioni.
Rimani aggiornato.

Segui la nostra pagina Facebook!