"L'intelletto trascura le considerazioni più ovvie": é forse questo l'aforisma di Edgar Allan Poe più adatto a rappresentare lo stato d'animo di Ryan Hardy, ex agente dell'F.B.I.. Hardy, esperto profiler, non riesce a darsi pace per il semplice fatto di non essere riuscito ad identificare Joe Carroll come serial killer "permettendogli" di uccidere cinque vittime.



Carroll viene arrestato ma la cosa non avviene in maniera indolore: a pagarne le conseguenze è Hardy, il quale resta invalido in seguito ad una pugnalata al cuore inflittagli proprio dallo stesso Carroll.

Questo sin'ora è il prologo di una storia criminale come tante altre: un profiler ed un cattivo, antagonisti in una sfida che, alla fine, vede vincere il buono.



Ma questa che state leggendo non è una storia come le altre, bensì la trama di una delle serie crime che sta appassionando milioni di telespettatori in USA e Italia.

Prendete un profiler tormentato, reso invalido dalla sua nemesi (un assassino con la passione per Edgar Allan Poe); affiancategli un affascinante, carismatico e folle ex professore di letteratura e mixate il tutto con l'ingrediente che fa la differenza: la "partecipazione" dei social network!





Perché è proprio la presenza dei social network (o meglio, dei followers che tramite i social seguono i deliri del killer Joe Carroll) uno degli elementi chiave del successo di questa serie! In una società sempre più dipendente da Facebook, Twitter and co.,l'idea che tantissime persone possano essere followers di uno psicopatico assassino che riesce ad evadere e continuare ad uccidere coinvolgendo chiunque lo segua nella sua causa sconvolge e non poco (non a caso USA Today la presentò come una delle serie più violente e spaventose mai prodotte!).

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Anticipazioni Tv

Ad interpretare i due personaggi principali della serie cult sono stati scelti due attori molto noti: James Purefoy ( "Solomon Kane", "Il destino di un cavaliere") interpreta il professor Carroll, uomo che crede nella "follia d'arte" citata da Edgar Allan Poe e la usa come "giustificazione" per i suoi brutali omicidi. Mentre la parte di Ryan Hardy, l'angosciato ex agente federale introverso e pieno di sensi di colpa, è magistralmente interpretata dall'attore americano Kevin Bacon.





Bacon, dopo aver rifiutato altre volte di impegnarsi in ruoli da protagonista in serie tv, accetta di far parte del cast della serie The Following a condizione di girare un numero di episodi inferiore rispetto ad una serie standard per potersi dedicare anche ad altri progetti.

The Following, arrivato alla seconda stagione, partirà negli States il 18 Gennaio mentre in Italia per vedere i nuovi episodi bisognerà attendere Febbraio: appuntamento quindi per il 3 Febbraio su Premium Crime mentre i clienti Sky dovranno attendere un giorno in più (The Following verrà trasmessa infatti il 4 Febbraio su FoxCrime).





Top Crime
(canale 39 del digitale terrestre) invece riproporrà in prima serata tutti gli episodi della prima stagione. Meno di un mese di attesa, quindi, e poi scopriremo che ne sarà del Nostro agente Hardy ma, soprattutto, se il tremendo Carroll sia veramente morto oppure no!



Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto