Ha scatenato a dir poco il panico tra i telespettatori ed i fans del grande e simpatico presentatore Gerry Scotti, la frase che ha fatto il giro del web tramite i social network. I post condivisi sui social network scrivevano infatti che "Gerry Scotti avrebbe avuto un malore e un medico nel tentativo di soccorrerlo ha dovuto constatarne il decesso", sostenendo che sia morto per un malore. Ma si è trattato di una bufala ed anche di cattivo gusto; alla quale il conduttore, che è sempre dotato di umorismo, ha reagito con ironia. Infatti dopo essersi accorto della bufala che girava sui social, ha commentato su Twitter così: "Essendo io morto non posso smentire.."

Si è trattato di una bufala lanciata sui social network, Gerry Scotti sta bene!

Dunque Gerry Scotti sta benissimo e si è fatto una risata riguardo a coloro che hanno fatto un gesto simile, ma che si meriterebbero di essere denunciati.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Gossip

Ma lui è un grande ed ha saputo affrontare la situazione uscendone a testa alta. I telespettatori ed i fan hanno tirato un respiro di sollievo quando hanno avuto modo di constatare che si trattava solo di una bufala.

Il simpatico conduttore amato da tutti, sta perfezionando un contratto con Sky per una nuova scommessa, altro che morto! Quanto ai social network non sempre questi dicono la verità e non bisogna credere a tutto ciò che si legge, piuttosto è meglio accertarsi e andare a verificare tramite fonti attendibili se le notizie siano esatte e veritiere.

Ennesima bufala, ennesima resurrezione a prova di vip

Questa è solo una della tante bufale di cui sono spesso vittime i vip e in generale i personaggi più o meno noti del mondo della musica, della televisione e dello spettacolo; vengono lanciate online per il semplice gusto di vedere che effetto farà sul pubblico, per fare notizia e di conseguenza maggiori visite sul web. Infatti sono tanti i personaggi dello spettacolo vittime di questo genere di bufale sgradevoli; ma loro sono immortali infatti dopo la morte resuscitano! La prossima volta a chi toccherà? Chissà!