Il lupo perde il pelo ma non il vizio. Questo conosciuto proverbio pare fare proprio al caso di Bill Cosby, che sembra commettere sempre lo stesso errore, persino nei tempi passati. L'attore de "I Robinson" è stato recentemente accusato dall'attrice Barbara Bowman di violenza sessuale. Stando al racconto della donna, i due si sarebbero conosciuti nel lontano 1985 per un provino per una parte cinematografica. Già allora l'attrice era sospettosa nei confronti di Cosby, reo di essere troppo "manolesta".

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Gossip

Tuttavia, a causa del lavoro, i loro incontri divennero sempre più frequenti, tanto che Bill avrebbe persino pagato i viaggi all'attrice. Fin quando, nel 1986, dopo una cena con lo staff, Cosby avrebbe drogato e poi violentato la Bowman, che, a quanto afferma, al suo risveglio si sarebbe ritrovata con indosso una camicia da uomo e della biancheria intima.

La Bowman afferma inoltre che non ebbe immediatamente il coraggio di denunciare il suo aggressore, per poi farsi forza e cercare di fargli causa a qualche anno di distanza. Nonostante le intenzioni, l'attrice racconta che, una volta a tavolino con gli avvocati, quest'ultimi le avrebbero riso in faccia, non consentendole di denunciare Cosby. L'ex star di una delle serie tv più amate al mondo si ritrova quindi a dover aggiungere un'altra causa per molestie sessuali a quelle già ricevute in passato, che ammontano ora a ben 14. Una storia davvero triste che mette in risalto quanto certi uomini possano approfittarsi del loro potere e della loro popolarità, come avrebbe fatto proprio Cosby quando, sulla cresta dell'onda, avrebbe usato la sua verve e il suo esser noto al pubblico per aggraziarsi una giovane attrice in cerca di fortuna.

I migliori video del giorno

Certamente non possiamo affermare se la storia della vittima sia vera o falsa, in quella stanza c'erano esclusivamente loro, quel che è certo è che 13 denunce per violenza sessuale non siano proprio delle buoni basi per una possibile smentita. Ora non resta che attendere una dichiarazione da parte dell'interessato per capire quanto ci sia di vero in questa storia. In questa brutta storia.