Lunedi 13 aprile abbiamo letto la terribile notizia del tentativo di suicidio della modella croata Nina Moric, fortunatamente non andato in porto: qualche ora fa il fidanzato Luigi Favoloso ha rilasciato sconcertanti dichiarazioni.

La paura e la corsa in ospedale 

Nella notte tra sabato e domenica Nina Moric è stata portata d'urgenza in ospedale, dopo la chiamata dei soccorsi da parte della madre della modella. Pare che Nina abbia tentato di togliersi la vita tagliandosi le vene. Il tutto sarebbe successo in bagno, verso l'una di notte. Già nel 2009 la Moric aveva compiuto un gesto simile, ma con modalità diverse: aveva infatti ingerito una dose massiccia di tranquillanti ma anche in quella circostanza tutto si risolse per la meglio.

Nina è stata vista recentemente in un party della Milano bene con il baby fidanzato Luigi Favoloso. Si era persino ipotizzata una probabile gravidanza, date le rotondità sospette sul corpo perfetto della showgirl. La Moric ha già un figlio, l'amato Carlos, avuto dal precedente matrimonio con Fabrizio Corona. 

L'impressionante metamorfosi di Nina

Sul profilo Instagram della bellissima modella, erano soliti apparire da qualche tempo messaggi molto malinconici e cupi. Nessuno però si sarebbe aspettato un gesto simile. Nina Moric ha cambiato radicalmente aspetto: da bruna è diventata bionda platino ed è solita indossare delle lenti a contatto quasi bianche. Praticamente irriconoscibile. Il fidanzato, appena qualche ora fa, ha rilasciato importanti dichiarazioni: dopo aver confermato il tentato suicidio, ha ipotizzato che dietro il gesto ci sia un complotto.

I migliori video del giorno

Nina sarebbe stata spinta a togliersi la vita, a causa di gente scaltra e senza scrupoli, solo interessata ai soldi. Che cosa avrà voluto dire? È a conoscenza di un retroscena preoccupante? Luigi Favoloso ha ribadito che Nina è una persona felice e che non avrebbe mai fatto questo di testa sua. Per rimanere aggiornati sui prossimi sviluppi, potete cliccare il tasto 'Segui' che trovate in alto, accanto al titolo dell'articolo.