Gli abbonati Sky si stanno rendendo conto che, volente onolente, la piattaforma satellitare sta attuando una politica aggressiva perfermare la prevedibile emorragia di utenti alla luce dell’acquisizione inesclusiva della Champions League da parte di Mediaset Premium. L’offertasportiva, cinematografica, culturale e d’intrattenimento della piattaformasatellitare resta imponente al cospetto di Premium che, al di là della massimacompetizione calcistica continentale, può vantare ben poche esclusive di peso. Eppure,la politica di cambiamento di Sky non si esaurisce col MySky gratuito o con ilcinema in omaggio per i nuovi abbonati nei mesi estivi: infatti, come avvertitoda centinaia, forse migliaia di utenti sul web, già da tempo stanno sparendodiversi canali “minori” ma che, messi assieme, portavano un discreto pubblicodi mezza età.

Antefatto

Canali come Alice, Leonardo e Marco Polo (diversi anni primaNuvolari) sono passati alla concorrenza del digitale terrestre già da un anno emezzo; Fox Retro è stato soppresso all’inizio del 2015 e adesso è lavolta di Diva Universal. Il canale, erede di Hallmark storico canale “di buongusto” presente fin dai tempi di Tele+, cesserà le trasmissioni su Sky alloscoccare della mezzanotte fra 30 giugno e 1 luglio. Il canale, visibile alnumero 133 di Sky, trasmette vecchie Serie TV in parte provenienti dall’archiviodella Rai: tra queste Maigret, Poirot, La signora in giallo e Il commissarioRex fino a serie di successo come Downtown Abbey, proposta anche da Mediaset,su Rete 4.

Perché chiude Diva

La chiusura di Diva Universal (Sky, almeno, chissà in futuro...) giunge per mancati accordieconomici tra Nbc e Sky, sulla falsariga di quanto avvenuto con Mediaset per il“ritorno” a Sky di parte della Champions League; trattativa naufragata per valutazioniritenute eccessive dal gruppo di Murdoch.

Ciò nonostante silenziosamente,educatamente e senza l’uso del turpiloquio, diversi luoghi virtuali sono statipresi d’assalto da centinaia di fans del canale che, coincidenza o forse no,amavano anche tutti gli altri sopra citati e già soppressi o trasferitialtrove.

Le reazioni dei fans 

In particolare, i commenti in calce all’articolo apparso sulsito “bubinoblog” dove si parla anche dello spot in programmazione in cui siannuncia sulle stesse frequenze di Diva l’imminente switch off, puntano l’indicecontro la (presunta) deriva commerciale e trash di Sky.

Sotto accusa i soldiche “si trovano per Gomorra e Romanzo Criminale” o per reality italiani (alcunioggettivamente discutibili come i napoletani Boss delle Cerimonie, Lucky Ladiese Morti e Stramuorti) e stranieri; così come la tendenza a preferire “mortiviventi e corpi massacrati” alle vecchie serie “eleganti, di buon gusto” doveil detective usava il cervello.

In molti hanno annunciato che non rinnoverannol’abbonamento Sky a causa della fine di un canale di qualità apprezzato inparticolare da donne e da un pubblico maturo poco incline allo sport, alla volgarità,alla violenza, al sesso, a reality sempre più spinti o a programmi rivolti soloa chi “ha meno di vent’anni”. Per Sky forse l’addio di qualche centinaio di abbonati “anziani”sarà poca cosa, pur nell’anno della Champions persa con annessa previsione di “fuga”;tuttavia resta il senso di critiche, educate ma ferme, di chi potrebbe non trovarepiù sufficiente l’ottima Sky Arte o i canali di storia e documentari, perrinnovare un abbonamento non più percepito né economico né soddisfacente.

Segui la pagina Serie TV
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!