Annuncio
Annuncio

Claudio Lippi ha risposto a Barbara d’Urso e parlato ai cittadini italiani dai microfoni di “Domenica Live su Canale 5 del malore che l’ha colpito a Capodanno. Il conduttore sarebbe dovuto salire sul palco di Matera per la diretta tv e salutare il 2016 insieme agli altri grandi nomi della televisione e spettacolo italiani, invece è stato ricoverato in terapia intensiva per diversi giorni. Dopo il lieve infarto del 1983 e il bypass del 2001 quest’ultimo malore l’ha fortemente provato e spaventato.

“Non è stato solo il freddo”

Non sarebbe un buon momento questo per Claudio che starebbe attraversando un momento difficile da quasi un decennio che ha causato il crollo fisico ed emotivo di fine anno.

Annuncio

“Non è stato il freddo, ma una serie di situazioni che si stanno accumulando da dieci anni a questa parte, dovute anche al mio errore di aver concesso fiducia a persone che hanno gestito la mia attività e che poi hanno tradito la mia fiducia. Purtroppo non sempre l’ingenuità e la buona fede ripagano” ha spiegato nell’intervista. Questo tradimento avrebbe portato Lippi ad avere seri problemi finanziari, che assieme a un periodo di discontinuità lavorativa dopo aver lasciato il programma “Buona Domenica”, lo hanno lasciato senza macchina, casa e nemmeno soldi in banca.

Gli affetti della famiglia

Questo momento difficile ha portato Claudio a riavvicinarsi all’ex moglie Kerima, che ha ringraziato dai microfoni della D’Urso.

Annuncio
I migliori video del giorno

Inoltre, il periodo appena passato è stato anche un momento di lutto per il conduttore con la morte del nipote Claudio.

Tutto ciò ha causato un carico di dolore che andava sfogato, spiega, per evitare che si accumulasse mettendo in serio pericolo la sua stessa vita. Tuttavia, la reazione di Lippi vuole essere positiva e fornire un nuovo punto di partenza: “Quest'ultima cosa che mi è successa mi ha dato molta energia, e dico ufficialmente che sono in grado di fare una tv fatta di quotidiano, di settimanale, di idee. Perché ho ancora una grande passione e ho bisogno come tutti», ha concluso Lippi. L’appello è: non mollate mai.