Annuncio
Annuncio

A due giorni dall'inizio della sessantaseiesima edizione del Festival di Sanremo 2016, avanzano ancora pronostici in merito alla probabile composizione del podio. La kermesse si concluderà nella notte di sabato prossimo, e mentre sono tutt'oggi in pochi a vantare il preventivo ascolto dei brani, gli allibratori si affannano nella corsa alla quota minore.

Guardando alla formazione sanremese, risulta notevole il (quasi) dominio dei cantanti in uscita dai talent show, gli stessi con più probabilità di spuntarla. Certo, una prima lettura dei testi delle canzoni potrebbe fornire qualche indizio in più, ma ci riferiamo a un fronte tutto soggettivo.

Le quote vincenti

Come già anticipato, il duo Iurato-Caccamo, ventiquattro anni lei, venticinque lui, è già trionfante quanto a congetture.

Annuncio

Al seguito una coda di artisti altrettanto giovani, tutti sfornati da quei programmi TV vocati alla scoperta e al lancio di nuove voci. Quella di Sanremo, nel loro caso, è tappa obbligata. Si parla infatti, oltre che dei potenziali vincitori, anche di Lorenzo Fragola, Valerio Scanu, Noemi e Annalisa, i meno quotati dai siti di scommesse telematiche. Vediamo allora nel dettaglio quanto potrebbe valere il trionfo degli interpreti della nuova canzone italiana, da Alessio Bernabei a Neffa.

Passando in rassegna le varie piattaforme di betting, notevole è la riscoperta di quei nomi (solo a titolo d'esempio, Elio e le Storie Tese) che dalle retrovie si assestano in avanscoperta. L'irriverente gruppo milanese passa di fatto dal 50 del mese di gennaio al 5 attuale, al contrario di quanto avviene per l'outsider Arisa, che con la pubblicazione del lyrics della sua Guardando il cielo sale considerevolmente intorno all'11.

Annuncio
I migliori video del giorno

Dove puntare? Fuor di dubbio è che l'inglese Eurobet presenti le quotazioni più basse e meno fruttuose, al contrario dell'emergente Betflag, con il 3.50 dei favoriti. In discesa la quota del già vincitore per la sezione Nuove proposte 2014 Rocco Hunt, mentre meno in forma risultano i rappresentanti della vecchia generazione musicale (vd. Enrico Ruggeri e Patty Pravo). Perdono, almeno per ora, anche Irene Fornaciari e Neffa, quand'anche Alessio Bernabei dei Dear Jack e gli Zero Assoluto non sembrano acquistare i favori delle giovani fan.