Hugh Jackman, l’affascinante attore australiano, indimenticabile Wolverine dei Fab Four, ha il cancro alla pelle, noto come carcinoma basocellulare. Una rivelazione shock per i fan, fatta dallo stesso Jackman, ormai 47enne, tramite una foto postata su Facebook lo scorso lunedì. Nello scatto si vede il volto dell’attore con una benda sul naso ed un avviso in didascalia in cui egli stesso mette in guardia i suoi fan, consigliando vivamente di indossare sempre la protezione solare, non solo quando si va al mare, per tenere a bada l’insorgere di malattie della pelle, che spesso sottovalutate degenerano in cancri seri e pericolosi.

Pubblicità

La preoccupazione dei fan è salita alle stelle e in pochi minuti hanno inondato la bacheca di Hugh Jackman con frasi di solidarietà e con domande insistenti sulla sua salute. L’attore ha subito esaudito le richieste di tutti, scrivendo: “Ecco un esempio di quello che succede quando non si usa la giusta protezione solare: il carcinoma basocellulare. Una forma di cancro della pelle più lieve, che richiede comunque un check-up regolare e una crema protettiva”. Jackman è stato sottoposto a trattamenti per la cura del cancro alla pelle già tre volte, a partire dal 2013, quando gli è stato diagnosticato per la prima volta. Una star come Hugh non può permettersi di trascurare la sua salute, soprattutto quando a rischiare deturpazioni è la pelle del suo bellissimo viso.

Che cos’è il carcinoma basocellulare?

E’ la forma di cancro della pelle più comune ed è piuttosto diffuso tra gli americani, almeno 8 su 10 ne è affetto secondo le indagini scientifiche condotte dall’American Cancer Society. In pratica ogni anno vengono diagnosticati 2,8 milioni di casi. Comporta raramente la morte, ma va tenuto sotto controllo perché possono provocare delle deturpazioni della pelle, escrescenze e tipologie di ustioni permanenti. Sono colpite soprattutto le persone con carnagione chiara e con capelli biondi o rossi, che si espongono in modo prolungato e continuativo ai raggi ultravioletti senza un’adeguata protezione solare.

Pubblicità

La diagnosi va effettuata da uno specialista, perché spesso agli occhi del paziente qualunque escoriazione o arrossamento determinato da tale patologia può essere confusa con una semplice psoriasi o eczema.