Leo Gullotta, uno dei più grandi attori italiani di Cinema e teatro, è stato recentemente ospite del "Maurizio Costanzo Show" ed ha toccato argomenti delicati come quello dell'omosessualità. Gullotta è gay e vorrebbe che tutti gli omosessuali trovassero la forza di dichiarare il loro orientamento.

Fiero di essere gay

E' lontana l'epoca dei tabù. L'attore che deve il suo successo al Bagaglino ha affermato che non ha avuto mai timore di dichiarare di essere gay, neanche qualche anno fa, durante la presentazione del film "Uomini uomini uomini".

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Gossip

Leo ha rivelato durante la trasmissione condotta da Maurizio Costanzo che scoprì di essere gay a 30 anni. Oggi l'attore ha 70 anni ed è felice col suo compagno, con cui convive da 36 anni. 

Gullotta è un artista molto sensibile, nonché uno dei più prolifici in Italia: basti pensare che ha interpretato oltre 90 film.

Senza contare le opere teatrali in cui è stato protagonista. Lo scorso 9 gennaio l'istrione siciliano ha compiuto 70 anni, di cui 55 dedicati al cinema e al teatro, le sue più grandi passioni. Leo è una persona molto sensibile e curiosa che, a 70 anni, dice di aver visto il mondo e di aver capito qualcosa, anche se molte cose della vita non l'ha ancora comprese, come l'ipocrisia dilagante in molte nazioni, Italia compresa. Ha lavorato tanto Leo, vivendo momenti belli e meno belli, ma non rimpiange nulla. Leo è un attore sincero, vero, che detesta il cinismo bieco ancora radicato, purtroppo, nella società. L'attore invita tutti ad uscire, a confrontarsi, a conoscersi perché, se ognuno si chiude in se stesso, c'è il rischio che valori importanti come libertà e democrazia svaniscano. 

Contro cinismo ed egoismo

La forza di Leo Gullotta è proprio la sua profonda umanità. Lui depreca ogni forma di egoismo che, però, sta prendendo il sopravvento.

I migliori video del giorno

Lo scopo dell'attore è far capire che la cultura del "famo magnamo annamo nun te preoccupa'" è fallace, non porta da nessuna parte. Il 'teatrante siculo' più famoso d'Italia iniziò la sua carriera per caso, come comparsa, al Teatro Bellini di Catania, e da quel momento non è più sceso dal palcoscenico. Un encomio a un illustre artista italiano.