Grandi colpi di scena caratterizzeranno la decima stagione di Un medico in famiglia, la famosa fiction di Raiuno che rivedremo in onda da questa sera, mercoledì 7 settembre in prime time per un totale di tredici appuntamenti (corrispondenti a 26 episodi). Le anticipazioni rivelano che assisteremo al ritorno a Roma di Lele Martini, che vedremo affrontare un periodo particolarmente complicato della sua vita, alle prese con i problemi dei suoi figli e con un terribile segreto da confessare ad uno di loro.

Spoiler Un medico in famiglia 10: la verità choc su Annuccia

Nel dettaglio vi anticipiamo che nelle prossime puntate della fiction di Raiuno vedremo che Lele scoprirà che uno dei componenti di casa Martini in realtà non è suo figlio.

La protagonista in questione è Annuccia, la figlia più piccola nata dal matrimonio del dottor Lele con Elena, la sua prima moglie ormai defunta.

Una verità a dir poco choc che lascerà tutti senza parole: tuttavia Lele deciderà di non tenere Anna all'oscuro di questa situazione e così al più presto vedremo che confesserà alla ragazza tutta la verità, dicendogli che in realtà lui non è il suo vero padre, visto che sua madre Elena l'ha concepita con un altro uomo, che conosceremo nel corso di questa decima stagione. Come reagirà Annuccia di fronte a questa terribile notizia? Crederà che Lele le ha mentito per tutti questi anni oppure capirà che in realtà l'uomo l'ha scoperto solo recentemente?

Ci sarà la morte di nonno Libero?

Ma il colpo di scena di Un medico in famiglia 10 potrebbe avere come protagonista nonno Libero: dalle anticipazioni che sono state diffuse durante la conferenza stampa di presentazione, apprendiamo che Lino Banfi ha ammesso che questa potrebbe essere l'ultima stagione in cui ritroveremo il suo amato personaggio.

I migliori video del giorno

Cosa succederà a nonno Libero? Potrebbe uscire di scena o magari morire? L'attore non ha escluso questa possibilità, ironizzando sul fatto che la morte di nonno Libero potrebbe portare la fiction a totalizzare l'80% di share, ossia un ascolto a dir poco 'mostruoso'.