Chi lo avrebbe mai detto che lo stesso farmaco che può curare, se non guarire, l'Artrite reumatoide è in grado di risolvere il problema di molti che perdono i capelli? Niente più calvizie, l'alopecia sta per essere sconfitta e grazie ad una probabile terapia tornerà il sorriso agli amati della folta chioma!

Alopecia e calvizie si combattono con gli stessi farmaci

Molti sono coloro che soffrono di perdita dei capelli e purtroppo diventano calvi, anche giovanissimi. Ne seguono spesso problemi di autostima e frustrazioni, difficilmente sanabili. A quanto sembra ora una recente Ricerca medica ha dimostrato che l'alopecia si può curare con gli stessi farmaci usati per l'artrite reumatoide, malattia autoimmune, invalidante e dolorosa.

Si è infatti scoperto, da un recente studio effettuato dalla Yale e dalla Stanford University che la tofacitinib è in grado di curare una forma di alopecia, conosciuta come areata, favorendo la stimolazione del cuoio capelluto e la ricrescita dei capelli. Se si scoprisse anche che gli effetti collaterali sono trascurabile, certamente avremmo una cura per molti casi di calvizie.

La cura che guarisce la calvizie

Grazie alla ricerca medica in questione, si è scoperta infatti una molecola, la tofacitinib  in grado di combattere l'alopecia e guarirla almeno nel 50% dei casi. Ai giorni nostri non era stata ancora realizzata una terapia idonea a risolvere questo problema, che avvilisce molte persone.

Nella ricerca d'oltre oceano si è scoperto che utilizzando il cortisone si arriva all'inibizione dello stato infiammatorio dei nostri sistemi immunitari e di conseguenza ogni follicolo pilifero, responsabile della nascita e crescita del capello si riattiva.

I migliori video del giorno

In caso di alopecie croniche, l'uso della molecola suddetta, ne limita i sintomi.

Oltre all'artrite reumatoide la miracolosa molecola cura anche la psoriasi e la vitiligine. Ora però, gli esperti ed i ricercatori affermano, si deve verificare che la terapia non dia effetti secondari troppo pesanti, prima di dare via libera alla innovativa terapia.