Con il termine di alopecia si definisce quel processo di diminuzione della qualità del capello o la sua caduta, che si presenta in numerose forme, con diverse intensità e avanza in tempi assai variabili di persona in persona. Rimedi contro l'alopecia, anche conosciuta come calvizie, in grado di arrestarla definitivamentepare non ce ne siano e ci si limita atrattamenti di tamponamento o di mantenimento di un processo inarrestabile. La calvizie non è da sottovalutare, in quanto non si tratta solo di un inestetismo, ma di una condizione che colpisce anche a livello psicologico e che può portare persino alla depressione.

Gli unici trattamenti attualmente validi sono quelli a base di minoxidil e di finasteride (quest'ultimo piuttosto pesante), oppure ottimi risultati si ottengono con l'autotrapianto del capello. Ma recentemente sono state fatte nuove scoperte che potrebbero rivoluzionare l'efficacia della medicina in questo campo.Interessante è anche uno studio che ha dimostrato come "strappare" via tutti i capelli possa aiutarne una ricrescita più forte e folta.

Due molecole fanno crescere i capelli

Un gruppo di scienziati della Columbia University, durante delle sperimentazioni in un altro ambito della medicina, si sono resi conto che due farmaci, come effetto collaterale, stimolano i bulbi piliferi.

Si tratta di due molecole: il ruxolitinib e il tofacitinib. Sono subito stati testati su topi e su cellule di epidermide cutanea umana in provetta e si è avuta conferma della straordinaria efficacia sulla ricrescita del capello, della quale colpisce la rapidità e la longevità.

Il principio su cui si basa questo tipo di cura sono delle sostanze inibitrici degli enzimi (JAK) che agisconosul follicolo negativamente.

Una applicazione topica permette addirittura la ricrescita di un capello morto!

I risvolti della scoperta

Occorrerà del tempo prima che il farmaco basato su queste due molecole, in grado di curare la calvizie, possa essere disponibile all'acquisto. Ma è chiara la potenzialità della scoperta e la svolta che potrebbe portare nella lotta contro la calvizie. Sono iniziati dei test sull'essere umano dapprima contro l'alopecia areata,presto anche contro quella androgenetica, che è la forma più comune.Ulteriori informazioni per la cura della calvizie sono disponibili in un altro articolo.

Segui la pagina Salute
Segui
Segui la pagina Scienza
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!