Ecco le anticipazioni della soap opera di Canale 5 Beautiful, la serie di Bradley Bell che continua a tenere incollati alla tv circa 3 milioni di telespettatori e uno share del 19%. Amori, intrighi e scoperte sconvolgenti anche nelle puntate che vedremo dal 12 al 17 settembre e che promettono di appassionare il pubblico televisivo italiano. Al centro delle trame troveremo, sicuramente, il personaggio di Quinn Fuller, determinata a tenere lontano Liam da Steffy e Wyatt. Ci riuscirà oppure no? La diabolica dark lady della soap potrebbe presto venir scoperta. Nel frattempo, Nicole si ritroverà a soffrire a causa di una relazione finita male. Leggiamo insieme tutti i dettagli di una nuova settimana di Beautiful.

Ridge sotto ricatto, i timori di Nicole

Le news di Beautiful per la terza settimana di settembre sono molto interessanti e ci dicono che Ridge cercherà di rassicurare Caroline (Linsey Godfrey) sul fatto che nessuno scoprirà mai che Douglas è figlio di Thomas.

Lei stessa deve stare tranquilla e mantenere il segreto. La coppia rilascia delle dichiarazioni a Jarret e questo li espone all'interesse mediatico. Mentre sono a pranzo a Il Giardino, i due vengono visti dal dottor Wolin che ferma Ridge e lo mette alle strette: non è possibile che Douglas sia suo figlio visto che la diagnosi dopo la vasectomia era stata abbastanza negativa. Ridge cerca di sviare alle domande di Wolin ma l'uomo è determinato a saperne di più e, in tal caso, ricattare Forrester.

Inoltre, dal 12 al 17 settembre assisteremo al dolore di Nicole che soffre ancora per la fine della relazione con Zende Forrester e rimane ancora più sconcertata quando scopre della tresca tra Sasha e il suo ex. Charlie, vedendo le registrazioni delle telecamere di sorveglianza, scopre che Liam è svenuto di fronte a Quinn e che la Fuller ha portato via il ragazzo.

I migliori video del giorno

Lo comunica a Wyatt che decide di affrontare la madre ma la donna, ancora una volta, riesce a cavarsela e da una sua versione dei fatti che convince il figlio a non indagare ulteriormente.