Giovedì prossimo 29 settembre ritorna sugli schermi di rai 3 la striscia degli ultimi provini utili per selezionare i futuri concorrenti del quiz Rischiatutto, il cui titolo sarà "Quasi quasi rischiatutto - Prova Pulsante". Il programma, della durata di circa dieci minuti, andrà in onda dal lunedì al venerdì nel cosiddetto "prime time" a partire dalle 20.30 e si concluderà mercoledì 26 ottobre, il giorno prima del tanto atteso ritorno del programma che sarà condotto da Fabio Fazio con la consueta presenza in giuria del "signor no" Ludovico Peregrini.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Serie TV

Si potrà assistere dunque a tutte le fasi preliminari necessarie per la selezione dei nuovi concorrenti che prenderanno parte alla trasmissione vera e propria, che tornerà ufficialmente in Televisione dopo ben 42 anni dall'ultima puntata condotta dallo storico ideatore e conduttore Mike Bongiorno.

Ricordiamo che nella scorsa primavera, e precisamente il 21 e 22 aprile, andarono in onda due puntate "pilota" del quiz, utili a ricordare e ad informare sui meccanismi e sul funzionamento del programma. Nella seconda puntata del 22 aprile, in realtà, si sfidarono i primi tre concorrenti della nuova edizione: il primo campione fu il signor Niccolò Orofino, che rispondeva a domande che riguardavano la Juventus.

C'è tanta attesa e curiosità per vedere in che modo verrà recepito da parte dei telespettatori il ritorno di uno dei programmi che hanno segnato la storia della televisione italiana. L'intento di Fazio, come più volte espresso nel corso di numerose interviste rilasciate alla stampa, non è quello di "copiare" il quiz condotto all'epoca da Bongiorno ma semplicemente riproporre il meccanismo del gioco ed offrire la possibilità alla nuove generazioni di "giocare" da casa in un'epoca completamente diversa fatta di reality e show di varia natura.

I migliori video del giorno

Intanto però divertiamoci nel conoscere i nuovi personaggi scelti per il Rischiatutto, magari facendo anche due risate di fronte a qualche "scivolone" di troppo. Che il signor no, certamente, non avrà perdonato.