Adesso c'è anche la data ufficiale. Nella settimana in cui sono ripresi i casting per selezionare i nuovi concorrenti dello storico quiz "rischiatutto", è stato annunciato sulla pagina Facebook ufficiale che la prima puntata della trasmissione condotta da Fabio Fazio andrà in onda giovedì 27 ottobre, con ogni probabilità su rai 3 e non sulla prima rete nazionale come avvenuto per le due puntate "pilota" dello scorso 21 e 22 aprile.

Confermata dunque la collocazione al giovedì sera, come da tradizione del resto. E chissà se nell'epoca dei numerosi canali televisivi e del fenomeno sempre più frequente dello "zapping" il Rischiatutto riuscirà a catalizzare l'attenzione di milioni di persone e a "incollarle" davanti al televisore.

Sarà impresa ardua ripetere i record del compianto Mike Bongiorno (all'epoca tra il 1970 e 1974 il quiz riusciva a raggiungere almeno 20 milioni di telespettatori, con punte di 25 milioni durante le finali), non fosse altro che per la diversità del periodo storico e per il carisma del presentatore, senza nulla togliere al bravo Fabio Fazio che ha avuto l'intelligenza di non stravolgere il format del programma apportando pochissime modifiche.

C'è tanta curiosità per quanto riguarda la nascita dei futuri campioni. Esisterà una nuova Giuliana Longari o un nuovo Massimo Inardi? Il pubblico se lo augura, sarebbe bello tornare ad appassionarsi ad uno o più personaggi attraverso la loro competenza e personalità. Proprio per questo i provini guidati dal signor "no" Ludovico Peregrini non ammettono incertezze, ma esigono freddezza e precisione in ogni risposta data.

I migliori video del giorno

Appuntamento dunque al 27 ottobre, con tanta curiosità, ma anche un po' di nostalgia per il tempo che fu. Sono passati ben 42 anni dall'ultima puntata del Rischiatutto, un lasso di tempo enorme in cui il nostro Paese ha subito cambiamenti di ogni tipo. Forse, però, il quiz vero e proprio non è mai stato dimenticato e anche le nuove generazioni possono trovare motivo d'interesse in una trasmissione che ha fatto letteralmente la storia della televisione pubblica.