Con tutto il mondo della musica e i fan ancora in lutto per la scomparsa di George Michael, avvenuta proprio il giorno di Natale, ecco che il web è piombato nel terrore quando oggi il profilo ufficiale della Sony Music Global è apparso questo tweet: "Britney Spears è morta in un incidente! Presto vi diremo di più #RIPBritney".

Britney Spears è morta davvero? Il tweet è un falso

Ovviamente a questo scarno ma terribile annuncio si è scatenato il popolo della rete, in quanto il tweet proveniva da una fonte ufficiale e autorevole: la casa musicale Sony che cura da anni l'immagine della cantante americana. Nonostante questo, però, si è trattato di una bufala poi smentita.

Per dare l'idea di quanto la cosa fosse sembrata credibile ci sono i migliaia di tweet che hanno fatto il giro del mondo, compreso quello di un personaggio famosissimo come Bob Dylan, anche lui ingannato dalla news e autore di un messaggio con scritto Rest in peace Britney e faccina triste allegata.

Alla fine è comunque giunto un chiaro e perentorio annuncio che smentiva la notizia da parte dello staff della cantante trentacinquenne dopo che un membro era stato contattato dalla Cnn. Queste le parole rilasciate al riguardo: "Britney sta bene e sta passando il Natale con i suoi familiari ed in particolare con i due figli Sean e Jayden".

Hackerato l'account della Sony

A questo punto le numerose persone che avevano dato per buona questa ennesima notizia catastrofica sui personaggi dello spettacolo, in un anno segnato da tante scomparse eccellenti, si sono chieste cosa fosse davvero successo.

I migliori video del giorno

La spiegazione più logica è che il profilo ufficiale della Sony sia stato hackerato e che la notizia sia stata messa in circolo dagli stessi hacker, quindi dopo aver fatto il giro del mondo il tweet è stato cancellato e la stessa Sony non ha rilasciato ulteriori commenti.

In ogni caso i fan possono stare tranquilli [VIDEO] Britney Spears è viva e sta bene. E voi cosa ne pensate di quanto accaduto? Le bufale del web sono un problema o è normale che accada in un mondo sempre più aperto alla condivisione? Diteci la vostra.