Notte stellata ieri 29 gennaio ai SAG Awards 2017, che ha visto come ospiti i volti più noti di Hollywood: Ryan Gosling e il suo papillon storto prontamente raddrizzato dal colosso Meryl Streep, che si è vista sfuggire da sotto il naso il premio come miglior attrice protagonista dalla talentuosa Emma Stone, reduce dal pluri-premiato La La Land.

Ma il vero show è stato condotto dal cast della neonata serie-Tv dei fratelli Duffer che continua ad aggiungere meriti alla propria lista, e adesso anche il consenso del sindacato degli attori Hollywoodiani.

Pubblicità
Pubblicità

Ambientata negli anni 80, insieme a Narcos, è la storia più seguita su Netflix; per merito loro, infatti, la piattaforma online ha guadagnato nel terzo trimestre del 2016 oltre due miliardi di dollari. Proprio niente male.

Anticipazioni e curiosità sulla seconda stagione

Una sola stagione composta da otto episodi che ha tenuto col fiato sospeso il mondo; tutti i fan aspettano il secondo capitolo - previsto per quest'anno - descritto dai creatori stessi come tutt'altra storia rispetto al primo: una sorta di Harry Potter a livello temporale per accomodare la crescita dei piccoli personaggi e a livello strutturale una specie di IT di Stephen King con due piani di tempo distanti circa trent'anni.

Adesso non dobbiamo far altro che attendere.

Pubblicità

Il discorso di Harbour

Tutti premiati e tutti presenti - rubano il titolo all'inarrivabile Game of Thrones - gli "strangers" salgono sul palco esultanti, alcuni increduli e a fomentarli ancora di più è il loro collega David Harbour, con il suo discorso ispirato e a doppio taglio.

Vorrei dire che alla luce di ciò che accade nel mondo ogni giorno è difficile celebrare il già celebrato Stranger Things, ma questo premio, da voi che fate il vostro mestiere seriamente e con onestà credete come me che grandi interpretazioni possano cambiare il mondo, è una chiamata alle armi da parte dei nostri colleghi e colleghe a non fermarsi.

E ancora:

Sconfiggeremo le bugie, daremo la caccia ai mostri e quando ci sentiremo persi nell’ipocrisia e nell’incurante violenza di alcuni individui e istituzioni, noi come lo sceriffo Jim Hopper daremo un pugno in faccia a coloro che cercano di distruggere le gente debole, senza diritti ed emarginata. Lo faremo con tutta la nostra anima, con il cuore e con gioia.

Ogni riferimento a cose e persone è puramente casuale vero David?

...e Winona?

L'iconica "90's girl" dalla debole corporatura mostra, come al solito, una forte presenza scenica: è scioccata, le consegnano la statuetta e quasi ha paura di toccarla, magari di romperla, la passa al gigante David accanto a lei e lo ascolta facendo smorfie e faccette esilaranti, ma del tutto favorevoli al monologo che è in atto.

In poche ore i fermi-immagine delle sue boccacce diventano virali sul web e presto meme su tutti i social.

Winona sicura di non aver esagerato col vino durante la cena?

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto