Che Francesco Gabbani abbia vinto l'edizione 2017 di Sanremo con "Occidentali's Karma" è cosa nota. E' palese anche il successo di pubblico che sta seguendo alla vittoria sul palcoscenico. La canzone rimbalza sulla radio; il video colleziona innumerevoli visualizzazioni. Già, il video. Proprio su questo ci sono osservazioni da fare. Perché lo scenario è ben riconoscibile.

E' la sala da meditazione di un autentico monastero zen italiano: Sanboji - Tempio dei Tre Gioielli, situato a Pagazzano di Berceto (PR), in località Prataiolo.

I "Tre Gioielli" sono: il Buddha (cioè l'illuminazione, la realizzazione della nostra vera natura); il Dharma (gli insegnamenti e la pratica della meditazione); il Sangha (la comunità dei praticanti, in comunione con tutti gli esseri).

Cenni storici

Sanbo-ji, eremo zen di montagna, è stato fondato nel 1995 dal maestro Carlo Tetsugen Serra (Milano, 1953-). A lui si deve anche l'apertura del monastero ENSOJI - Il Cerchio di Milano (1988).

Questa attività è il risultato degli anni trascorsi da Tetsugen in Giappone: qui seguì il proprio iter monastico ottenendo il diploma in Master Zen Shiatsu, presso lo Yokai Shiatsu Center di Tokyo.

Ha ricevuto il Dharma (vedi sopra) nel lignaggio Soto zen; successivamente, gli è stato attribuito il titolo (riconosciuto dalla Soto Shu Shumucho giapponese) di Kokusai fukyoshi, l'incarico di missionario dello Zen in Europa.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Serie TV Festival Sanremo

E' stato consigliere direttivo dell'Unione Buddhista Italiana e (nel 2002) cofondatore della sezione milanese della World Conference of Religion for Peace. Autore di diverse pubblicazioni, collabora con riviste e programmi televisivi.

Qualche considerazione

Che "Occidentali's Karma" di Francesco Gabbani sia una canzone decisamente sibillina è indubbio. Perciò, è lecito domandarsi se il cantante abbia voluto dirci qualcosa anche con la scelta della location per il video - e, se sì, che cosa.

Intanto, va ringraziato per aver preferito l'autenticità al pittoresco e all'esotico fini a se stessi. Anche se i riferimenti del testo sono eclettici ed eccedono il campo del Buddhismo zen di scuola Soto.

Ambientare il video in un monastero zen italiano non è stato solo un riconoscimento all'impegno di chi l'ha fondato e lo fa sussistere. E' anche una visualizzazione del contenuto della canzone: uno sguardo sull'Occidente dal punto di vista dell'Oriente.

O, forse, un'occidentalizzazione eclettica di quell'orizzonte spirituale. Se il Dharma è arrivato sul palco dell'Ariston, può arrivare ovunque. Anche se è lecito domandarsi in quale stato.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto