Ha commosso Gerry Scotti, Belen Rodriguez e la giuria di 'Italia's Got Talent', vincendo l'edizione del programma nel 2016. Stiamo parlando di Edson D'Alessandro, ragazzo brasiliano che vive ormai da tanti anni nel nostro Paese (precisamente a San Giuseppe Vesuviano). La sua voce incredibile e il grande talento lo hanno meritatamente premiato e classificato come il concorrente migliore della scorsa edizione nel 2016. E' un vero piacere averlo qui con noi e e intervistare Edson, che in ESCLUSIVA si è raccontato a 360 gradi sia per quanto riguarda la sfera più privata ed intima e quella professionale

Ciao Edson, per prima cosa raccontaci qualcosa di te che i lettori e numerosi fan ancora non sanno…

Ciao, con molto piacere risponderò a tutte le vostre domande.

Mi è difficile raccontare qualcosa di me, ma oltre a ciò che ho raccontato in trasmissione non ho mai detto che da bambino ho sofferto tanto la fame, la solitudine e l’abbandono. Andare per campi all’età di 4 anni a cercare uova di quaglia per sfamarmi o tentare di pescare nei fiumi così piccolo non è stato per nulla semplice.

Hai vinto l’edizione 2016 del talent show ‘Tu si que vales’: raccontaci qualcosa di più a questo proposito e se possibile svelaci un aneddoto su questa bella esperienza che non hai ancora svelato a nessuno…

Vincere questo talent è stata un’emozione unica che non dimenticherò mai, ma ciò che mi ha particolarmente colpito è stata la protezione, affetto ed in particolare il modo di essere coccolato da tutti i giudici, dagli autori e tutto lo staff del programma.

Edson D'Alessandro si racconta

Cos’è per te il canto e cosa cerchi di trasmettere con la tua musica?

Il canto per me è come liberare l’anima, tramite esso cerco di comunicare a chi mi ascolta le vibrazioni del mio cuore.

Con quale artista ti piacerebbe duettare in futuro?

Mi piacerebbe molto duettare con Eros Ramazzotti, è un artista che ammiro tantissimo.

Quali sono i sogni e progetti che sei in procinto di realizzare?

Nella mia vita ho sempre avuto due sogni: uno era quello di avere una mamma, un papà ed un letto dove poter dormire e tutti i giorni ringrazio Dio per avermi ascoltato. L’altro mio sogno è sempre quello di cantare e trovare un produttore o casa discografica che mi dia una mano e fare arrivare il mio canto nel cuore e nelle vene di chi mi ascolta.

Ringrazio tutti voi e il mio manager Stefano Di Capua per avermi dato questa opportunità e vi auguro buon lavoro. Edson